Vettel: "Sono orgoglioso di questo terzo posto"

Il tedesco spiega che la squadra è tornata alle soluzioni di venerd' bocciando alcune novità

Vettel:
Sebastian Vettel tira un sospiro di sollievo. Per la prima volta può festeggiare un terzo posto sul podio come se fosse una vittoria: il bi-campione del mondo tedesco ha vissuto un week end ricco di insidie e ne è uscito alla grande dando una prova di maturità, pur non essendo stato esente da qualche errore. Il sorpasso a Jenson Button all'esterno nelle ultime battute è stato la cartina al tornasole della sua motivazione: ha sempre puntato al massimo risultato conquistando un podio partendo dalla pit lane... "Sono orgoglioso di questo risultato - ammette Sebastian - alla fine abbiamo perso solo pochi punti e mi sono ritrovato una monoposto che era molto veloce: lo si è visto nella lotta con Jenson Button che, però, è stato molto difficile da superare. Siamo tornati alle soluzioni del venerdì mattina che erano certamente più efficaci di quelle che abbiamo adottato in qualifica. Crediamo nel terzo titolo che resta il nostro obiettivo" Quella di oggi è stata una bella impresa che resterà scritte nelle pagine della storia della Formula 1, ma non sono mancati anche un paio di errori che potevano costare molto cari nelle prime battute della corsa... "E' vero, quando è uscita per la prima volta la safety car ho commesso un errore e ho danneggiato l'ala per evitare la Toro Rosso di Ricciardo che mi ha frenato davanti. E' in questa fase che la squadra ha deciso di cambiare la strategia. Devo ammettere che poi l'entrata in pista della seconda safety car mi ha aiutato perché ha ricompattato il gruppo, ma questa prestazione ha messo in rilievo quello che è il nostro vero potenziale".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Sebastian Vettel
Articolo di tipo Ultime notizie