Button: "La mia McLaren manca di trazione"

L'inglese fa i complimenti a Raikkonen e spiega perché non si è potuto difendere con Vettel

Button:
Jenson Button non si è demoralizzato dopo essere stato "sverniciato" con un sorpasso all'esterno da parte di Sebastian Vettel che lo ha buttato giù dal podio. L'inglese della McLaren divide la sua corsa in due parte e ne fa un'analisi molto precisa... "L'inizio della corsa è stato abbastanza divertente. Ho combattuto dure battaglie con Mark, Sebastian e Pastor ma, purtroppo, non avevo il passo per portare dei seri attacchi ai leader di oggi". A giudicare dalla pole di Lewis Hamilton e dai suoi primi giri la Mp4-27 sembrava la monoposto più competitiva dello schieramento...  "Non per me, la mia macchina era molto diversa da come l'avevo trovata venerdì. Non sono riuscito a ritrovare lo stesso grip, il che è strano perché la pista è andata pulendosi". Non si poteva arginare l'attacco di Vettel che è costato il podio? "No, non ho potuto tenere dietro Sebastian perché lui aveva gomme fresche Soft, mentre io stavo giocando una partita in difesa non potendo contare sulla stessa trazione. Non ci potevo fare niente...". Anche nel mondiale Costruttori la Ferrari sta allungando al secondo posto e vi sta distanziando... "Ci è costato il ritiro di Lewis: per il suo stop abbiamo perso dei punti nei confronti della Ferrari nel campionato del mondo costruttori. E' stato un vero peccato, ma abbiamo ancora due gare per cambiare le sorti della stagione. A proposito: voglio fare le congratulazioni a Kimi, un uomo di poche parole, che si è meritato la vittoria di oggi".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Jenson Button
Articolo di tipo Ultime notizie