Gomme 2016: ne succederanno di tutti i colori?

Gomme 2016: ne succederanno di tutti i colori?

La libertà di scelta delle due mescole renderà meno prevedibili sia le qualifiche sia le gare a vantaggio dello show

È passata la proposta lanciata da Bob Fernley, vice team principal della Force India. L’anno prossimo ogni squadra di Formula 1 potrà scegliersi due mescole di gomme nell’ambito delle quattro che la Pirelli renderà disponibili nel 2016 (Super soft, Soft, Medium e Hard).

Le squadre più piccole potranno, quindi, cercare di scompaginare i piani dei top team in prova con soluzioni provocatorie che costringeranno a rivedere le strategie con cui verranno affrontate le qualifiche e non è detto che non possano esserci delle curiose sorprese.

Chi lotterà per il successo di ogni Gp sarà obbligato a lavorare con le gomme più prestazionali per l’impegno in gara, mentre chi non avrà chance di puntare al podio proverà a sfruttare la nuova regola per rendersi più visibile in griglia e, magari, andare a caccia di qualche sponsor sfruttando le Super soft.

Le scelte dei team minori, però, potrebbero condizionare quelle delle squadre top, specie se vorranno superare la barriera della Q1, soprattutto se l'esigenza sarà di “marcare” gli avversari in lotta per il titolo e non quelli occasionali in cerca di visibilità...

Ma il cambiamento andrà a premiare soprattutto le monoposto che sapranno sfruttare al meglio gli pneumatici: chi avrà una macchina più “gentile” nell’utilizzo della copertura potrà permettersi una mescola più morbida di quella che la Pirelli avrebbe portato come scelta di base, traendone un vantaggio prestazionale anche in gara e non solo in qualifica.

Insomma, la variazione normativa che ancora deve essere ratificata dalla Commissione F.1 e poi dal Consiglio Mondiale della FIA potrebbe dare una significativa sterzata alle strategie con cui si affronteranno tanto le qualifiche che la gara.

Almeno nei primi Gp del 2016 potremmo aspettarci delle sorprese perché aumenteranno le variabili su cui determinare le scelte degli pneumatici e la creatività più spinta potrebbe avere la meglio sulle simulazioni studiate al computer, perché il variare di alcune condizioni (come la temperatura della pista) in funzione del meteo potrebbe avere effetti pesanti sui risultati.

E voi cosa ne pensate?

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie