Giovinazzi: "Baku mi piace, mi piacerebbe entrare in Q3"

Il pilota italiano dell'Alfa Romeo, dopo aver conquistato il decimo posto a Monte Carlo, vorrebbe proseguire la sua striscia positiva anche in Azerbaijan dove ha sempre raccolto ricordi positivi.

Giovinazzi: "Baku mi piace, mi piacerebbe entrare in Q3"

Antonio Giovinazzi finora ha regalato solo un punticino all’Alfa Romeo, ma il pilota italiano si è meritato la conferma con il “Biscione” per il 2022 da parte del team principal, Frederic Vasseur, che nell’intervista esclusiva a Motorsport.com ha ammesso che il pugliese sarà il pilota che darà continuità alla squadra di Hinwil nel momento in cui Kimi Raikkonen deciderà di lasciare la F1.

Giovi quest’anno ha raccolto meno di quello che ha seminato e si sarebbe meritato: finalmente a Monte Carlo ha fatto muovere la classifica e anche a Baku conta di trarre il massimo dalla C41…

“Baku è uno dei miei circuiti preferiti su cui correre, lo adoro. Ho dei bei ricordi a cominciare dal periodo in GP2 e ho vissuto un sabato positivo quando sono arrivato qui per la prima volta in F1, nel 2019”.

Antonio, infatti, ricorda la prima uscita in Azerbaijan con soddisfazione…
“Ho conquistato la mia prima Q3 in quel giorno e mi piacerebbe ripetere la prestazione anche in questo fine settimana. Ottenere un punto a Monaco è stato un buon risultato, ancor di più se pensiamo a quanto siamo stati forti. Sono ottimista di poter continuare questo momento positivo per raccogliere i frutti dei nostri progressi”.

L’Alfa Romeo dovrebbe essere molto a suo agio nella parte più guidata del circuito cittadino, grazie all’eccellente set-up meccanico, mentre potrebbe pagare nel lungo rettilineo d’arrivo la carenza di sviluppo aerodinamico. Sarà interessante scoprire quale elemento avrà la sua prevalenza sulla pista azera.

condividi
commenti
Ferrari: scelto il motore Superfast per la 672 a effetto suolo
Articolo precedente

Ferrari: scelto il motore Superfast per la 672 a effetto suolo

Articolo successivo

Podcast: Il Gran Premio della Repubblica Italiana

Podcast: Il Gran Premio della Repubblica Italiana
Carica i commenti