F1, FIA e Mercedes condannano gli insulti razzisti a Hamilton

I responsabili della Formula, della FIA e della Mercedes hanno rilasciato un comunicato congiunto dove condannano gli insulti razzisti inviati a Lewis Hamilton via social dopo lo scontro con Verstappen a Silverstone.

F1, FIA e Mercedes condannano gli insulti razzisti a Hamilton

Nel corso del primo giro del Gran Premio di Silverstone Lewis Hamilton e Max Verstappen si sono scontrati quando il pilota della Mercedes ha tentato il sorpasso all’interno della Copse.

Ad avere la peggio è stato l’olandese, finito contro le barriere a tutta velocità per poi essere trasportato in ospedale per i controlli del caso data la decelerazione subita pari a 51G, mentre il sette volte campione del mondo è stato punito dai commissari con 10 secondi di penalità per aver innescato l’incidente.

Nonostante la penalizzazione, Hamilton è riuscito a conquistare ugualmente il successo nella gara di casa beffando Charles Leclerc a due giri dal termine. Una vittoria che ha scatenato la rabbia degli uomini Red Bull con Helmut Marko che ha chiesto un GP di squalifica per l’inglese e Max Verstappen che tramite i propri profili social ha parlato di un comportamento irrispettoso di Hamilton mentre lui si trovava ancora in ospedale.

Le scorie della rivalità tra i due hanno infiammato anche gli animi dei tifosi e per tutta la domenica nei post della Mercedes sui social sono apparsi insulti razzisti nei confronti di Hamilton.

Questo atteggiamento è stato fortemente criticato dalla F1, dalla FIA e dalla stessa Mercedes ed oggi è stato rilasciato un comunicato congiunto.

"Durante e dopo il Gran Premio di Gran Bretagna di ieri, Lewis Hamilton è stato oggetto di molteplici insulti razzisti sui social media dopo una collisione in gara".            

"La Formula 1, la FIA e il Mercedes-AMG Petronas F1 Team condannano questo comportamento nel modo più forte possibile. Queste persone non hanno posto nel nostro sport e chiediamo che i responsabili siano ritenuti responsabili delle loro azioni".

"La Formula 1, la FIA, i piloti e le squadre stanno lavorando per costruire uno sport più vario e inclusivo, e questi casi inaccettabili di abusi online devono essere evidenziati ed eliminati".

Lo stesso Hamilton aveva indicato disgustosi insulti simili rivolti ad alcuni giocatori della nazionale inglese dopo la sconfitta patita nella finale di Euro 2020.

"Gli insulti razzisti sui social media nei confronti dei nostri giocatori dopo la partita di ieri sono inaccettabile", aveva scritto Hamilton sui suoi profili.

"Questo tipo di ignoranza deve essere fermata. La tolleranza e il rispetto per i giocatori di colore non dovrebbero essere condizionati. La nostra umanità non dovrebbe essere condizionata".

condividi
commenti
Bobbi: "Concorso di colpa di Max, doveva ragionare sul mondiale"
Articolo precedente

Bobbi: "Concorso di colpa di Max, doveva ragionare sul mondiale"

Articolo successivo

Tanabe: "Speriamo di salvare almeno il motore di Verstappen"

Tanabe: "Speriamo di salvare almeno il motore di Verstappen"
Carica i commenti