Ferrari: ultimato il nuovo simulatore, sarà attivo a settembre

Nel nuovo edificio a vetri realizzato fra il corpo principale della Gestione Sportiva e la Pista di Fiorano è stato ultimato il nuovo simulatore che nelle prossime settimane inizierà la calibrazione prima di diventare uno strumento strategico per lo sviluppo della monoposto 2022. Il vecchio "ragno", sul quale Leclerc e Sainz hanno preso già confidenza con la Rossa del prossimo anno, resta attivo per lo sviluppo della SF21.

Ferrari: ultimato il nuovo simulatore, sarà attivo a settembre

Finalmente è stato ultimato: il nuovo simulatore della Ferrari è arrivato a compimento in questa settimana in ritardo sui piani iniziali a causa della pandemia di Covid.

L’allestimento della struttura e l’assemblaggio del nuovo strumento di simulazione che prende il posto del “ragno” sono appena terminati all’interno dell’edificio costruito appositamente fra il corpo principale della Gestione Sportiva e la Pista di Fiorano.

Nelle prossime settimane inizierà la fase di calibrazione, mentre durante il mese di settembre, dopo la pausa estiva prevista dal regolamento FIA, potrà partire il lavoro vero e proprio per lo sviluppo della Rossa 2022, la monoposto a effetto suolo che dovrà riportare il Cavallino ai vertici della F1.

La Ferrari conta di fare un importante passo avanti con il nuovo simulatore che ha l’ambizione di essere uno strumento assolutamente all’avanguardia che riproduce in un ambiente a 360 gradi la latenza più bassa e la larghezza di banda più alta di qualsiasi altro analogo mezzo attualmente in commercio.

La Scuderia si orienta verso un concetto del tutto nuovo che è nato grazie alla collaborazione con Dynisma, la società fondata da Ashley Warne, già ingegnere della Scuderia, e basata nel Regno Unito, che lo ha prodotto in esclusiva per la squadra di Maranello.

In parallelo, il simulatore attuale continuerà ad essere utilizzato in funzione dello sviluppo della SF21 e della preparazione dei weekend di gara, nonché nel supporto dei giovani piloti della Ferrari Driver Academy.

condividi
commenti
La McLaren sarà all'altezza del talento di Lando Norris?
Articolo precedente

La McLaren sarà all'altezza del talento di Lando Norris?

Articolo successivo

Carlos Reutemann è morto: l'ex ferrarista aveva 79 anni

Carlos Reutemann è morto: l'ex ferrarista aveva 79 anni
Carica i commenti