Ferrari: il freddo previsto a Imola gioverà alla SF21

Per il GP del Made in Italy e dell'Emilia Romagna non aspettiamoci importanti novità aerodinamiche sulla Rossa: i tecnici di Maranello adegueranno la SF21 alle caratteristiche della pista, ma vogliono lavorare sulla comprensione della vettura per ottenere il massimo sfruttamento delle gomme Pirelli.

Ferrari: il freddo previsto a Imola gioverà alla SF21

Le previsioni meteo per il GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna sono variabili con un rischio pioggia per la domenica, giorno della gara. A caratterizzare il weekend di Imola saranno le temperature molto fresche, se non fredde. Niente a che vedere con il caldo del Bahrain che ha messo in difficoltà più di una squadra.

La Ferrari approda in riva al Santerno con l’intenzione di consolidare le buone cose mostrate a Sakhir. Nell’appuntamento di apertura la SF21 ha mostrato di gradire quando il sole del Golfo Arabico lasciava il posto alla notte per cui il caldo afoso lasciava il posto a condizioni certamente più miti.

La Rossa è sembrata soffrire il caldo, per cui dovrebbe sentirsi più a suo agio nel GP che apre la stagione europea. Una coda non prevista dell’inverno che ha portato anche la neve a quote non troppo alte, potrebbe giocare a favore della Ferrari.

Difficilmente si andrà sopra al muro dei 15 gradi di temperatura dell’aria, per cui un imperativo sarà quello di mandare in temperatura le gomme Pirelli. La Casa milanese porta in Emilia Romagna le mescole C2, C3 e C4 che sono le stesse viste in Bahrain.

La squadra del Cavallino vuole capire a Imola se i tecnici sapranno estrarre dalla SF21 quel potenziale che a tratti si è visto in gara con Charles Leclerc e Carlos Sainz. Il piano di lavoro è stato improntato soprattutto sulla comprensione degli pneumatici, per cercare delle conferme a quanto di positivo si era visto al debutto.

Non aspettiamoci, quindi, di vedere grandi rivoluzioni, se non l’adeguamento della vettura alle caratteristiche della pista: Imola ha curvoni in appoggio che privilegiano il carico aerodinamico, mentre a Sakhir, circuito stop and go, si esaltava l’efficienza aerodinamica e la trazione, per cui aspettiamoci una diversa configurazione aerodinamica.

In galleria del vento sono stati provati sia il fondo con il disegno a Z in stile Red Bull, Mercedes e Aston Martin, sia le due paratie verticali più lunghe della McLaren nella zona centrale dell’estrattore sotto al diffusore che ha creato una certa curiosità in Bahrain, ma non è detto che queste soluzioni si vedano sulla Rossa nel weekend.

A Maranello preferiscono comprendere qual è l’effettivo valore della SF21, mantenendo le caratteristiche base della vettura. A livello prestazionale aspettiamoci un piccolo salto nella power unit, perché anche a livello di motore erano scattati dei vincoli di affidabilità nel GP caldo d’apertura, per cui è pensabile che a Imola la Ferrari possa concedersi una mappa più spinta.

condividi
commenti
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”
Articolo precedente

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Articolo successivo

Vettel: "A Imola vedrete un'Aston Martin migliore"

Vettel: "A Imola vedrete un'Aston Martin migliore"
Carica i commenti