Ferrari SF1000 o non più 1000? Inizia la mutazione Rossa

La monoposto che doveva debuttare nella configurazione del GP d'Australia non correrà mai: la Ferrari che vedremo scendere in pista a Baku sarà a versione rivista e corretta da Simone Resta. Il mondiale per quasi tre mesi si giocherà indoor fra simulazione, banchi prova e galleria del vento.

Ferrari SF1000 o non più 1000? Inizia la mutazione Rossa

Mattia Binotto sta rientrando in Italia. Il team principal della Ferrari se ne torna al Reparto Corse senza una risposta sull’effettivo valore della SF1000. La squadra del Cavallino può essere una di quelle che può trarre un “vantaggio” dal via mondiale che sembra posticipato al 7 giugno con il GP dell’Azerbaijan.

Toto Wolff nel paddock di Melbourne ha ribadito che la Ferrari aveva fatto pre-tattica nei test invernali e la Rossa sarebbe stata in grado di dare la caccia alle frecce d’argento da subito.

La verità non la sapremo mai, perché il Coronavirus ha spazzato via ogni controprova, dal momento che i motori non si sono accesi e il mondiale è andato in stand-by.

Un fatto è certo: la SF1000 che è stata portata in Australia è una macchina che è destinata a non correre mai. Con lo slittamento del primo GP è dato per scontato che l’ingegnere Simone Resta abbia tutto il tempo per mettere mano ai problemi della Rossa e a scendere in pista sarà la macchina evoluzione che avrebbe dovuto fare la sua apparizione a Zandvoort per la prima gara europea o al più tardi a Barcellona, in Spagna, nonostante lo stop all'azienda di 12 giorni deciso dal CEO, Louis Cammilleri sabato pomeriggio.

I tempi che sembravano tirati per trasformare la SF1000 in una monoposto vincente ora si sono dilatati, per cui ci sarà l’opportunità di lavorare con una certa calma per approntare una macchina che sia in grado di lottare con Mercedes e Red Bull dal primo appuntamento che andrà effettivamente in scena nel 2020.

Cosa ci dovremo aspettare? Una Rossa più aggressiva nella parte anteriore che è parsa a tutti un po’ troppo conservativa. Non avendo l’incombenza del susseguirsi delle gare, tutti i team avranno modo di sviluppare le nuove monoposto indoor con un lavoro di simulazione e di galleria del vento.

Anche la power unit potrà essere evoluta in particolare nei concetti della camera di combustione: l'orientamento è andare verso una pre-camera più calda.

E sarà interessante scoprire quanto potrebbero cambiare i valori in campo senza avere alcun dato di confronto diretto.

Avremo una mezza stagione nella quale il mondiale si giocherà in modo virtuale all’interno delle factory e poi le prime due o tre gare determineranno se le macchine portare in pista meriteranno di essere sviluppato o se al contrario gli uffici tecnici si dedicheranno alla monoposto 2021 che apre a una rivoluzione normativa.

Il Coronavirus impone delle nuove modalità di approccio alla stagione di F1 che non potranno più essere quelle adottate fino a ieri. Maranello saprà far fruttare l’inattività imposta?

Ferrari SF1000 dettagli tecnici
Ferrari SF1000 dettagli tecnici
1/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000 ecco il boomerang del barge board
Ferrari SF1000 ecco il boomerang del barge board
2/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lo scarico Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Lo scarico Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
3/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ingegneri Ferrari al lavoro sulla Ferrari SF1000 di Sebastian Vettel
Ingegneri Ferrari al lavoro sulla Ferrari SF1000 di Sebastian Vettel
4/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli del brake duct di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Dettagli del brake duct di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala anteriore
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala anteriore
6/17

Foto di: Giorgio Piola

Il fondo della Ferrari SF1000
Il fondo della Ferrari SF1000
7/17

Foto di: Giorgio Piola

Detail of Sebastian Vettel's Ferrari SF1000
Detail of Sebastian Vettel's Ferrari SF1000
8/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala anteriore
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala anteriore
9/17

Foto di: Giorgio Piola

Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari, sul pit wall
Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari, sul pit wall
10/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Pit board per Sebastian Vettel, Ferrari
Pit board per Sebastian Vettel, Ferrari
11/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
12/17

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, fermo ai box
Sebastian Vettel, Ferrari, fermo ai box
13/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/17

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000 il volante di Charles Leclerc
Ferrari SF1000 il volante di Charles Leclerc
15/17

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF1000 sospensione anteriore
Ferrari SF1000 sospensione anteriore
16/17

Foto di: Giorgio Piola

Dettaglio confano motore Ferrari SF1000
Dettaglio confano motore Ferrari SF1000
17/17

Foto di: Giorgio Piola

condividi
commenti
Carey risponde a Hamilton: "Re denaro? Abbiamo fermato il GP!"
Articolo precedente

Carey risponde a Hamilton: "Re denaro? Abbiamo fermato il GP!"

Articolo successivo

Brawn: "Rinunciare alla pausa estiva per il salvare la stagione"

Brawn: "Rinunciare alla pausa estiva per il salvare la stagione"
Carica i commenti