Ferrari: Sainz sulla SF71H a Fiorano per memorizzare le procedure

Lo spagnolo sta girando sulla pista di casa della Ferrari con la SF71H: Carlos può beneficiare dello stess test del quale aveva usufruito Charles Leclerc prima del GP di Imola. Il madrileno ha la possibilità di impratichirsi con i sistemi e le procedure, sfruttando la monoposto che domani la FDA affiderà a Mick Schumacher e Callum Ilott.

Ferrari: Sainz sulla SF71H a Fiorano per memorizzare le procedure

Mentre Valtteri Bottas è impegnato a Imola con la Mercedes W09 per lo sviluppo delle gomme Pirelli da 18 pollici, a Fiorano è entrato in azione Carlos Sainz. Il pilota spagnolo è al volante della SF71H che ha utilizzato Charles Leclerc in preparazione del GP del Made in Italy e dell’Emilia Romagna.

Carlos, quinto alle spalle del compagno di squadra monegasco a Imola, sfrutta l’opportunità di guidare la Rossa che normalmente è affidata ai piloti della FDA: Sainz, infatti, può beneficiare di una sessione di test sulla pista di casa della Ferrari per acquisire i processi che caratterizzano la monoposto e accelerare la piena comprensione dei sistemi della Rossa.

In assenza di collaudi invernali adeguati (ogni pilota si è preparato alla stagione 2021 con un giorno e mezzo di test), tutti i conduttori che hanno cambiato squadra nel corso dell’inverno hanno avuto delle difficoltà di adattamento (Sebastian Vettel, Sergio Perez, Daniel Ricciardo e Fernando Alonso) e il ferrarista è indiscutibilmente quello che ha trovato il maggiore feeling con la nuova monoposto.

Dopo una partenza strepitosa che ha portato Carlos dall’11esima alla settima piazza in meno di un giro, nella gara bagnata di Imola lo spagnolo si è reso protagonista di un paio di lunghi nelle vie di fuga a causa di una frenata troppo ripartita sull’anteriore. Sainz non aveva mai girato sull’acqua con la SF21 per cui ha dovuto cercare la giusta regolazione del ripartitore di frenata e poi ha mostrato un passo decisamente più sicuro.

La giornata di oggi è una grande opportunità per acquisire e memorizzare molte procedure nello sfruttamento della sua Ferrari, visto che Carlos può utilizzare il suo volante-computer. L’occasione è venuta buona perché domani la SF71H sarà sfruttata dalla FDA che farà girare due giovani della filiera del Cavallino.

Oltre a Callum Ilott è atteso anche Mick Schumacher: il tedesco, autore di un crash sul dritto dei box durante la fase di safety car mentre cercava di tenere in temperatura le gomme con la Haas, avrà l’opportunità di incrementare la confidenza con una monoposto di F1, sebbene vecchia di tre anni come la pur valida SF71H.

condividi
commenti
F1: il secondo non è servito. Cosa succede a chi ha cambiato team?
Articolo precedente

F1: il secondo non è servito. Cosa succede a chi ha cambiato team?

Articolo successivo

Podcast: Estoril '85, la prima magia iridata di Senna

Podcast: Estoril '85, la prima magia iridata di Senna
Carica i commenti