Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
103 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
146 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
160 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
173 giorni

Ferrari: commissari FIA formati sui segreti delle norme grigie?

condividi
commenti
Ferrari: commissari FIA formati sui segreti delle norme grigie?
Di:
6 mar 2020, 10:06

La Scuderia, nell'accordo con la FIA, avrebbe accettato di mettersi a... nudo. I tecnici federali avrebbero avuto accesso a tutti i cassetti sui segreti che riguardano le aree grigie del regolamento. Nell'ambito della power unit, ma anche sul resto di una F1 a cominciare da come funzionano davvero le ali flessibili.

L’esempio è calzante: gli hacker sono stati assunti per evitare che il governo vedesse i suoi sistemi di protezione violati per manifesta inferiorità.

La FIA, dopo aver ammesso di non avere avuto strumenti sufficienti per verifiche tecniche approfondite tali da giudicare la conformità del motore Ferrari, si sarebbe rivolta ai tecnici del Cavallino per entrare nelle zone grigie del regolamento di F1.

Gli uomini diretti da Nikolas Tombazis non hanno le risorse, né gli strumenti per controbattere la potenza di fuoco dei top team che dispongono di mille persone per sviluppare due macchine.

E così nel vituperato accordo segreto fra la FIA e la Ferrari, oltre alla disponibilità di dare un impulso allo studio del motore del futuro e dei carburanti sintetici per contribuire alla ricerca sulla riduzione delle emissioni in carbonio, ci sarebbe entrato che il Cavallino avrebbe “aperto” le porte del suo Sancta Sanctorum tecnologico ai commissari Federali che sarebbero stati invitati a Maranello.

Cosa vogliamo dire? Che Mattia Binotto avrebbe messo a disposizione della FIA l’opportunità di partecipare a dei… corsi full immersion non solo sulle power unit, ma anche su tutti gli altri aspetti regolamentari di una monoposto di F1 che può possono essere interpretabili a cominciare dalle ali flessibili, ma non solo.

Insomma la Scuderia avrebbe deciso di aprire i computer della Gestione Sportiva per assumere un ruolo diverso: informare i tecnici FIA sullo stato dell’arte di un top team negli arzigogoli di un regolamento complesso e interpretabile a cominciare proprio dalle soluzioni della power unit.

Se è vero quello che si dice, sarebbe stato spiegato sia come funziona il sistema di alimentazione del motore endotermico, sia la gestione dell’energia elettrica generata dalla MGU-H e fornita alla MGU-K senza passare dalla batteria.

Strategie molto complesse, che è praticamente impossibile ricostruire dall’esterno. La Ferrari, insomma, si sarebbe messa a… nudo senza andare a Canossa come aveva fatto Enrico IV. La segretezza dell’accordo, rivendicata a piena voce dalla FIA nel comunicato di ieri, evidentemente non riguarda solo il passato discusso e discutibile, ma anche il presente.

La FIA da Melbourne introduce un secondo flussometro nel serbatoio delle F1 per controllare con una propria taratura del sensore i consumi istantanei di carburante che per regolamento non devono superare i 100 kg/h a 10.500 giri.

Qualcuno ha sostenuto che la Ferrari fosse capace di aumentare la portata di benzina fra un tempo di lettura e l’altro del flussometro, incrementando, quindi, la potenza in picchi che non erano controllabili. Furbizia, genialità, scorrettezza? Quando si entra nella zona grigia della regola diventa difficile separare le cose.

Di sicuro a Maranello hanno saputo trarre vantaggio da certe soluzioni (i dati GPS erano incontrovertibili) e sarà interessante vedere quale sarà l’effetto di questa “confessione” senza la scomunica attesa da Mercedes e Red Bull.

La scelta di Binotto potrebbe avere due effetti: primo alzare la soglia di attenzione su tutte le aree di una F1, toccando magari le zone grigie di altri team, secondo smontare le voglie di reclamo di chi ha in mano carte che sono proprietà intellettuale della Ferrari.

Tutto questo lavoro, però, rischia di crollare se la SF1000 si dovesse dimostrare una monoposto incapace di lottare per la vittoria, perché automaticamente si alimenterebbero le voci di una Ferrari che ha dovuto rinunciare ai gadget tossici del 2019, mentre il Cavallino ha sempre rivendicato la mancanza di squalifiche.

Eppure, proprio il team principal non ha fatto mistero del fatto che la Rossa sia il frutto di un progetto acerbo, ma non sbagliato. Mercedes e Red Bull sono davanti: secondo le stime si accredita mezzo secondo di vantaggio alla W11 e un paio di decimi alla macchina di Adrian Newey. Fonti di Brackley aprono la forbice rispettivamente a quattro e otto decimi.

La SF1000 genera drag (resistenza all’avanzamento) e ha usato nei test un motore sgonfio per cui le velocità massime (dove eccelleva l’anno scorso) sono scomparse a fronte di percorrenze di curva migliori e una minore usura delle gomme. Come andrà a finire lo capiremo solo in Australia, forse…

Scorrimento
Lista

Mattia Binotto, Ferrari

Mattia Binotto, Ferrari
1/23

Foto di: Erik Junius

Jean Todt, Presidente FIA

Jean Todt, Presidente FIA
2/23

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Nikolas Tombazis durante la conferenza stampa di presentazione del regolamento tecnico 2021 della Formula 1

Nikolas Tombazis durante la conferenza stampa di presentazione del regolamento tecnico 2021 della Formula 1
3/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, precede Charles Leclerc, Ferrari SF1000
5/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000 dettagli tecnici

Ferrari SF1000 dettagli tecnici
6/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Il motore della Ferrari SF1000, Sebastian Vettel

Il motore della Ferrari SF1000, Sebastian Vettel
7/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/23

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
11/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 testacoda

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000 testacoda
12/23

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, fa un pit stop
14/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Posteriore Ferrari SF1000

Posteriore Ferrari SF1000
15/23

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
16/23

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF1000 il volante di Charles Leclerc

Ferrari SF1000 il volante di Charles Leclerc
17/23

Foto di: Giorgio Piola

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, e Sebastien Vettel, Ferrari
18/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari

Laurent Mekies, Sporting Director, Ferrari
19/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari in garage

Charles Leclerc, Ferrari in garage
20/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
21/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettaglio del muso della Ferrari SF1000

Dettaglio del muso della Ferrari SF1000
22/23

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
23/23

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Related video

Articolo successivo
Williams: "Il team è irriconoscibile rispetto a un anno fa!"

Articolo precedente

Williams: "Il team è irriconoscibile rispetto a un anno fa!"

Articolo successivo

F1: c'è una nuova pellicola anti graffio per i barge board

F1: c'è una nuova pellicola anti graffio per i barge board
Carica i commenti