Ferrari anticipa a Sochi l'ibrido evoluto per Leclerc

Il debutto dei nuovi componenti dell'ERS era stato programmato per il GP della Turchia, ma a Maranello sono riusciti a completare l'assemblaggio di una power unit nuova per la Russia. E' per questo che Leclerc omologherà venerdì la PU4 e partirà in fondo alla griglia. La scelta del monegasco è stata fatta perché sulla sua SF21 c'è ancora la batteria dell'Ungheria, quella del crash al via sull'acqua. Sainz l'avrà a Istanbul.

Ferrari anticipa a Sochi l'ibrido evoluto per Leclerc

La Ferrari riesce ad anticipare il debutto del motore 065/6 evo con un’unità che è venuta pronta in tempo per Sochi. La Scuderia, quindi, porta il nuovo sistema ibrido nel GP di Russia e lo affiderà a Charles Leclerc che omologherà il motore 4 e domenica scatterà in fondo alla griglia di partenza.

I tecnici hanno scelto il pilota monegasco solo per una ragione: sulla SF21 #16 c’è ancora la batteria che faceva parte della power unit 2 che è stata danneggiata dal crash al via del GP di Ungheria.

Nel team di Maranello, quindi, hanno deciso di intervenire sul pacchetto più a rischio, mentre Carlos Sainz dovrebbe disporre della nuova unità in occasione del GP della Turchia, seguendo le tempistiche dei piani iniziali.

Con gli aggiornamenti della power unit Carlos Sainz dovrebbe beneficiare di una decina di cavalli in più (c’è chi ha sottolineato che l’incremento di potenza è a una cifra per non enfatizzare troppo il salto prestazionale) grazie a un sistema ibrido in grado di assicurare una maggiore efficienza energetica, oltre a elementi miniaturizzati e, quindi, anche più leggeri.

La Ferrari non si aspetta grandi cambiamenti nelle performance, ma conta di raccogliere informazioni molto importanti sul comportamento del nuovo ERS in vista dell’utilizzo sul motore del 2022 che adotterà, invece, delle interessanti soluzioni innovative.

Quanto meno in Russia la Scuderia rinuncia alla battaglia con la McLaren per il terzo posto nel mondiale Costruttori: con Leclerc costretto a scattare dalla coda della griglia sarà difficile arginare le aspettative della squadra di Woking che è tornata a casa dopo la doppietta di Monza.

Naturalmente Carlos Sainz non avrà vincoli nella trasferta di Sochi e toccherà allo spagnolo cercare di difendere al meglio, anche se da solo, i colori del Cavallino.

condividi
commenti
GP di Monaco: il weekend di gara diventa di soli tre giorni
Articolo precedente

GP di Monaco: il weekend di gara diventa di soli tre giorni

Articolo successivo

Raikkonen torna ma Alonso gli ha rosicchiato due GP nelle presenze

Raikkonen torna ma Alonso gli ha rosicchiato due GP nelle presenze
Carica i commenti