Ferrari: al GP di Francia senza lo sponsor Mission Winnow

Il marchio della campagna di Philip Morris International non sarà presente sulle SF21 e sull'abbigliamento della squadra e dei piloti in occasione del GP di Francia in programma nel weekend al Paul Ricard. Le norme anti tabacco transalpine vietano di esporre il logo che non sarà sostituito come nel 2019 da quello dei 90 anni.

Ferrari: al GP di Francia senza lo sponsor Mission Winnow

La Ferrari per la prima volta nella stagione 2021 dovrà rinunciare al marchio Mission Winnow sulla SF21. Le norme anti tabacco che sono in vigore in Francia impediscono che le Rosse di Charles Leclerc e Carlos Sainz possano mostrare il logo che fa riferimento alla campagna di Philip Morris International.

La Scuderia in occasione del GP di Francia 2019, l’ultimo che si è corso al Paul Ricard prima della pandemia del COVID-19, aveva sostituito Mission Winnow con il logo che celebrava i 90 anni del Cavallino, mentre in questa edizione ci sarà semplicemente la scomparsa del marchio apparso per la prima volta nel GP del Giappone 2018 a Suzuka sia dalla monoposto, sia dall’abbigliamento della squadra e dei piloti.

Mission Winnow per PMI rappresenta lo specchio della trasformazione della multinazionale del tabacco impegnata nel sostituire le sigarette con prodotti senza fumo.

A questo scopo 400 persone tra scienziati, ingegneri e tecnici si dedicano allo sviluppo di alternative meno dannose delle sigarette nei due siti di ricerca e sviluppo con sede in Svizzera e Singapore. L’intento è di trasformare radicalmente l’industria attraverso l’innovazione scientifica, tecnologica e la promozione di un dialogo costruttivo.

La Ferrari e la F1 rappresentano la massima espressione della ricerca per cui il connubio è più che naturale, tenuto conto del legame strettissimo che lega Philip Morris International al Cavallino dalla metà degli Anni 80 quando iniziò una collaborazione ininterrotta che dura ancora oggi.

condividi
commenti
F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station
Articolo precedente

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Articolo successivo

Perez: "Serve una riunione sul gentleman's agreement"

Perez: "Serve una riunione sul gentleman's agreement"
Carica i commenti