Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
52 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
59 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
73 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
87 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
101 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
108 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
122 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
136 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
143 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
157 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
164 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
178 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
192 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
220 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
227 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
241 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
248 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
262 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
283 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
297 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
311 giorni

Ferrari 2020: sospensione idraulica e scarichi che soffiano

condividi
commenti
Ferrari 2020: sospensione idraulica e scarichi che soffiano
Di:
10 dic 2019, 14:20

Mattia Binotto ha detto che sulla monoposto del prossimo anno non ci saranno delle rivoluzioni, ma è più prevedibile una correzione dei problemi che hanno afflitto la Rossa nel 2019. Scopriamo alcuni punti che saranno modificati.

Mattia Binotto ha spiegato che non dobbiamo aspettarci rivoluzioni sulla macchina 2021 della Ferrari.

Il team principal del Cavallino aveva ammesso che la perdita del mondiale 2019 era iniziata con il lancio del progetto della SF90, una monoposto forse troppo estrema nella ricerca di una bassa resistenza aerodinamica, per cui si è rivelata, specie a inizio stagione una F1 con poco carico aerodinamico.

I tecnici coordinati da Enrico Cardile hanno lavorato principalmente per cancellare proprio i difetti della Rossa, senza sconvolgere un progetto di base molto competitivo al meno sulla carta.

La limitata downforce probabilmente ha rallentato anche la comprensione della gomma Pirelli.

La finestra di utilizzo degli pneumatici 2019 sulla Rossa è parsa più stretta che su altre vetture (in particolare Mercedes e McLaren) e l’attenzione del progetto siglato 671 è focalizzata proprio su due temi: aerodinamica e pneumatici.

Il regolamento tecnico 2020 non cambia, in attesa della rivoluzione 2021 quando torneranno le monoposto a effetto suolo. Nelle prove libere del GP di Abu Dhabi sulla SF90 abbiamo visto degli esperimenti sugli scarichi, nel tentativo di sfruttare il motore come strumento utile all’aerodinamica.

Ferrari SF90, dettaglio dello scarico wastegate sdoppiato provato ad Abu Dhabi

Ferrari SF90, dettaglio dello scarico wastegate sdoppiato provato ad Abu Dhabi

Photo by: Giorgio Piola

Il terminale della wastegate, infatti, è tornato a essere doppio ed è stato montato sopra allo scarico principale fra i due piloni che reggono l’ala posteriore. I due tubi sono stati opportunamente divaricati e inclinati al limite concesso dalle regole nel tentativo di migliorare l’efficienza del profilo principale dell’ala posteriore.

Red Bull Racing RB15, dettaglio degli scarichi della wastegate montati sopra al terminale centrale

Red Bull Racing RB15, dettaglio degli scarichi della wastegate montati sopra al terminale centrale

Photo by: Giorgio Piola

L’intenzione è quella di migliorare l’effetto di aspirazione dei flussi dal diffusore centrale aumentando la spinta verticale senza aumentare la resistenza all’avanzamento. La Ferrari ha seguito un concetto che è stato introdotto sulla Red Bull e che ha dato buoni risultati sulla RB15.

Ferrari SF90, dettaglio del cape apparso a Singapore sotto al muso

Ferrari SF90, dettaglio del cape apparso a Singapore sotto al muso

Photo by: Giorgio Piola

Per quanto riguarda il carico aerodinamico anteriore è lecito aspettarsi un muso dotato di un cape (mantello) più grande di quello della SF90, più in stile Mercedes, senza tradire la filosofia dell’ala anteriore votata all’outwash, vale a dire il passaggio dei flussi all’esterno della ruota anteriore.

Siccome le gomme saranno quelle 2019, sarà importante innescare la giusta temperatura degli pneumatici anteriori che dovranno evitare i surriscaldamenti a fronte di una crescita prestazionale che potrebbe determinare un'aumento delle pressioni di gonfiaggio e, quindi, una maggiore scivolosità.

Ferrari SF90 dettaglio sospensione anteriore

Ferrari SF90 dettaglio sospensione anteriore

Photo by: Giorgio Piola

La Ferrari avrebbe deciso di dotare la sospensione anteriore di un terzo elemento a comando idraulico, sebbene la soluzione avrà validità di un anno, perché dal 2021 sarà vietata nella logica del taglio dei costi.

Il fatto che sia sia fatto un passo importante in questa direzione, dimostra che la SF90 avesse anche un gap legato non solo alle sospensioni, visto che sarà ancora più determinante studiare il corner della ruota (impianto frenante, cerchio, gomma) per ottenere il più rapido innesco delle temperature senza finire nei surriscaldamenti.

Articolo successivo
F1: gomme 2020 bocciate all'unanimità, restano le 2019

Articolo precedente

F1: gomme 2020 bocciate all'unanimità, restano le 2019

Articolo successivo

F1 gomme 2019: una scelta di convenienza, non tecnica

F1 gomme 2019: una scelta di convenienza, non tecnica
Carica i commenti