Ecco perché la Lotus avrà anche il "manico di scopa"

Sulla E22 per rispolverare l'idea della Williams FW26 devono aggiungere una punta perché sia legale

Ecco perché la Lotus avrà anche il
L'idea era buona. L'esecuzione troppo al limite. Ecco perché i tecnici della Lotus diretti da Nick Chester hanno dovuto ripetere la prova di crash anteriore per ottenere l'omologazione della scocca della E22. Gli aerodinamici hanno proposto di rispolverare l'idea che Antonia Terzi aveva lanciato sulla Williams del 2004 dotata del famoso, ma discusso "muso a tricheco". La soluzione della FW26 ovviamente non può essere ripresa pari pari, perché altrimenti la Lotus non sarebbe legale per una questione regolamentare: come ha ben riportato newsf1.it l'articolo 15.4.3 del Regolamento Tecnico recita che la porzione di muso posizionata 50 millimetri dietro all’estremità dovrà avere una dimensione di 15 centimetri. I piloni del muso, quindi, diventerebbero enormi, non funzionali aerodinamicamente e terribilemente pesanti: ecco allora che si spiega la necessità di avere una sorta di "manico della scopa" al centro del muso per rispettare i dettami FIA. A Enstone hanno provato a realizzare una soluzione di dimensioni minime, ma quella più estrema non aveva superato la prova frontale di crash. La versione rivista e corretta, invece, non ha avuto problemi. Nick Chester ha rispolverato il concetto della Williams per fare in modo di portare ancora un buon flusso d'aria sotto alla scocca e convogliarlo al diffusore posteriore, senza che il musetto più basso possa creare un bloccaggio aerodinamico...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Pastor Maldonado , Romain Grosjean
Articolo di tipo Ultime notizie