Ecclestone: "Il ritorno di Michelin? Male per la F.1"

condividi
commenti
Ecclestone:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
14 mag 2015, 11:30

Mister E è felice di quanto fa Pirelli, mentre Michelin pretenderebbe di produrre gomme dalla durata estrema

Ron Dennis, presidente e CEO della McLaren con Bernie Ecclestone sulla griglia di partenza
Ron Dennis, presidente e CEO della McLaren con Bernie Ecclestone sulla griglia di partenza
Lukas Podolski, giocatore di football, con Bernie Ecclestone
Romain Grosjean, pilota francese del Lotus F1 team con Bernie Ecclestone
Christian Horner, Red Bull Racing Team Principal con Bernie Ecclestone,sulla griglia di partenza
Christian Horner, Red Bull Racing Team Principal con Bernie Ecclestone
Bruno Michel, GP2 CEO con Bernie Ecclestone, e Christian Horner, Red Bull Racing Team Principal
Bernie Ecclestone, con Vladimir Putin, Presidente Russo
Bernie Ecclestone, con Manfred Zimmerman, CMG
Bernie Ecclestone con Luca di Montezemolo, Presidente Ferrari
Ecclestone:

Stando a quanto dichiarato da Pascal Couasnon, direttore di Michelin Motorsport, la casa francese di pneumatici sarebbe interessata a rientrare in Formula 1 nei prossimi anni, qualora nel Circus venissero abbandonati i cerchi da 13" a favore di quelli da 18", già in uso in Formula E.

A smorzare, quasi a spegnere del tutto, gli entusiasmi dei transalpini sono arrivate oggi le taglienti dichiarazioni del leader della Formula One Managment, Bernie Ecclestone, il quale non ha certo nascosto il suo pensiero a tal riguardo definendo il possibile rientro di Michelin in Formula 1 non un bene per il Circus.

I motivi di queste parole sono presto detti. Mister E considera ottimo il lavoro svolto da Pirelli da quando è rientrata in Formula 1 e ha occupato il ruolo di fornitore unico di pneumatici al posto della Bridgestone, in quanto l'impresa italiana è riuscita a creare un prodotto con le specifiche richieste dai team, riuscendo inoltre ad assorbire le critiche - a volte anche feroci - e a proseguire il proprio lavoro. 

"In questo momento Pirelli ci sta fornendo esattamente i prodotto di cui abbiamo bisogno e che abbiamo richiesto. E' sempre difficile per loro. Se producono pneumatici al limite vengono fortemente criticati, ma sono comunque disposti a farlo. Michelin vorrebbe fare pneumatici extra resistenti, che si potrebbero montare a gennaio e togliere a dicembre, perché vogliono essere in posizione sicura, senza essere soggetti ad alcuna critica. Essere favorevoli alla loro entrata significherebbe buttare via tutto il lavoro svolto da Pirelli in questi anni, tutto ciò che hanno avuto il coraggio di fare per assecondare le nostre richieste". 

Ecclestone ha sottolineato inoltre che i francesi vorrebbero rientrare in Formula 1, ma solo se cambiassero le misure dei cerchioni e passassero dagli attuali tredici pollici ai diciotto, ovvero le medesime misure utilizzate dalla Formula E. Proprio per questo motivo il vertice della FOM considera non un bene il ritorno di Michelin, ma anche per una questione di estetica - i 13" sembrano più adatti a una monoposto - e per proteggere Pirelli, che ha il contratto in scadenza nel 2016. 

"I cerchi da diciotto pollici proprio non mi piacciono. Sono orribili. Vogliamo che il look delle vetture sia aggressivo e che risulti da vera auto da corsa. Pirelli sa sempre fare quello che chiediamo loro, e se gli chiedessimo di produrre gomme per cerchi da diciotto lo saprebbero fare senza difficoltà. Non dobbiamo cambiare le cose che non necessitano di cambiamenti", ha concluso Ecclestone. 

Prossimo articolo Formula 1
Abiteboul: "Qualcosa di sbagliato nella nostra factory"

Previous article

Abiteboul: "Qualcosa di sbagliato nella nostra factory"

Next article

McLaren: prove aerodinamiche con tre colori flow wiz

McLaren: prove aerodinamiche con tre colori flow wiz

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Ultime notizie