Doppietta Ferrari a Singapore, ma vince Vettel!

condividi
commenti
Doppietta Ferrari a Singapore, ma vince Vettel!
Di:
22 set 2019, 14:15

Il tedesco si aggiudica il GP di Singapore davanti a Leclerc: la Ferrari domina una gara molto strana condizionata dalla tattica e da tre safety car. Seb rompe il ghiaccio con la SF90, mentre Leclerc ha patito una scelta strategica. Verstappen terzo davanti alle due Mercedes.

E' stata una partita di Risiko, non un Gran Premio, dove la tattica ha fatto saltare il banco e i nervi oltre ai conti dei computer. E la Ferrari festeggia una doppietta con Sebastian Vettel che torna alla vittoria, davanti a un furioso Charles Leclerc che si sente privato di un'altra perla delle sue.

Per Sebastian è la 53esima della carriera, la prima di quest'anno, interrompendo un digiuno di 23 GP che durava dal Belgio 2018. E' una vittoria salutare per il pilota di Heppenheim che oggi avrà trovato le motivazioni per continuare a correre in F1 anche nel 2020.

Il tedesco centra la vittoria con Lina, macchina indigesta per il suo stile di guida, ma la SF90 con il nuovo pacchetto aerodinamico è diventata capace di vincere anche a Marina Bay, una pista dove il carico aerodinamico conta più dell'efficienza aerodinamica. E' la terza affermazione di fila della Ferrari dopo l'uno due di Leclerc a Spa e Monza che porta il conteggio a 238 vittorie.

La squadra del Cavallino si rilancia, mentre la Mercedes entra in crisi, costretta fuori dal podio con Lewis Hamilton, quarto, e Valtteri Bottas, quinto in una gara nella quale contava di strappare una doppietta. E' stata una corsa anomala che si è conclusa al limite delle due ore, per una condotta lentissima nelle prime fasi e due safety car.

Leggi anche:

Charles Leclerc, partito dalla pole, per 18 giri ha guidato una... processione: il passo gara è stato dettato dall'ingegnere di pista del Cavallino (circa 10 secondi sopra il tempo della pole!) per fare lift e coast in modo da allungare lo stint (la Pirelli aveva previsto il pit al giro 16) e tenere il gruppo compatto per evitare l'undercut della Mercedes e per fare fuel saving.

Poi si sono aperte le ostilità con Vettel chiamato al pit stop al giro19 (sosta di 3"0) seguito il giro dopo da Leclerc (2"4), mentre la Mercedes ha deciso, sbagliando, di allungare lo stint perché il gruppo con la "processione" non si era sgranato. E così alla fine della sarabanda dei sorpassi Vettel si è trovato al comando. La chiamata Ferrari, fatta per coprirsi dalla Mercedes (e Verstappen), ha giocato a favore del tedesco, ma non è stata il frutto di un gioco di squadra ordito a favore del quattro volte campione del mondo.

La doppietta Ferrari (l'ultima in Ungheria due anni fa) sancisce una Rossa che può togliersi altre soddisfazioni nel corso della stagione, ma incendia il dualismo fra i due piloti. Vettel raccoglie quanto si è visto regalare dall'andamento della corsa, ma ha fatto una gara perfetta, senza la minima sbavatura che lo ha portato a vincere dal terzo posto al via.

Sebastian non ha commesso errori anche nelle ripartenze, mentre Leclerc alle sue spalle si faceva vedere grande negli specchietti. Il monegasco ci ha provato a pungolare il compagno di squadra, ma alla fine è arrivato l'ordine di Laurent Mekies via radio di portare le macchine a casa. E il ragazzo, pur schiumando di rabbia, si è accodato, scuotendo la testa nel giro di rientro per rendere pubblico il suo disappunto, prima di abbracciare Vettel al parco chiuso. E, comunque, il ragazzo sale al terzo posto nel modiale piloti appaiando Verstappen...

Mattia Binotto avrà di nuovo da discutere con i piloti dopo Monza e l'avere due galli nel pollaio gli renderà il futuro più complicato. Ma è il segno che la Rossa è tornata: non è più ai margini della F1 e la Mercedes si deve preoccupare.

Il mondiale, il sesto di Lewis, non è in discussione, ma la Mercedes è rimasta fuori dal podio perché il terzo posto è andato a Max Verstappen. L'olandese ha beneficiato dell'errore strategico della squadra di Brackley che ha ritardato troppo la sosta, e porta a casa un piazzamento che va oltre le attese nonostante un motore Honda un po' sgonfiato.

Male la Mercedes: contava di rovesciare il risultato della qualifica con la strategia e, invece, Lewis e Valtteri sono naufragati proprio per la tattica. Il team aveva programmato di portare un pacchetto di novità a Sazuka e, invece, verrà anticipata già a Sochi una sospensione anteriore provata da Bottas nelle prove libere. 

Bene Alex Albon con la seconda Red Bull: l'anglo-thailandese cerca un rinnovo nel team di Milton Keynes e il sesto posto non lo allontana da quell'obiettivo. Soddisfatto Lando Norris che ha vinto il GP degli altri con la McLaren, settimo e positivo l'ottavo posto di Pierre Gasly con la Toro Rosso: il francese ha saputo gestire le gomme hard montate al via fino al giro 32, finendo spesso in bagarre. E' sotto inchiesta per la ruotata rifilata a Kimi Raikkonen nella quale il finlandese ci ha rimesso l'anteriore sinistra.

Nono è Nico Hulkenberg con la Renault e di nuovo a punti Antonio Giovinazzi con l'Alfa Romeo. L'italiano con le medie è stato anche in testa al Gran Premio, ma poi la stratega del team lo ha lasciato in pista troppo a lungo per cui è precipitato nelle retrovie del gruppo. Giovi non si è perso d'animo e dopo un secondo pit stop in safety car è ripartito di gran carriera con le soft per agguantare quel punticino che ripaga la fatica. Tutto il resto è cinema...

Cla Pilota Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Germany Sebastian Vettel
61 1:58'33.667 156.226 25
2 Monaco Charles Leclerc
61 1:58'36.308 2.641 2.641 156.168 18
3 Netherlands Max Verstappen
61 1:58'37.488 3.821 1.180 156.142 15
4 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
61 1:58'38.275 4.608 0.787 156.125 12
5 Finland Valtteri Bottas
61 1:58'39.786 6.119 1.511 156.091 10
6 Thailand Alexander Albon
61 1:58'45.330 11.663 5.544 155.970 8
7 United Kingdom Lando Norris
61 1:58'48.436 14.769 3.106 155.902 6
8 France Pierre Gasly
61 1:58'49.214 15.547 0.778 155.885 4
9 Germany Nicolas Hülkenberg
61 1:58'50.385 16.718 1.171 155.859 2
10 Italy Antonio Maria Giovinazzi
61 1:59'01.522 27.855 11.137 155.616 1
11 France Romain Grosjean
61 1:59'09.103 35.436 7.581 155.451
12 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
61 1:59'09.641 35.974 0.538 155.440
13 Canada Lance Stroll
61 1:59'10.086 36.419 0.445 155.430
14 Australia Daniel Ricciardo
61 1:59'11.327 37.660 1.241 155.403
15 Russian Federation Daniil Kvyat
61 1:59'11.845 38.178 0.518 155.392
16 Poland Robert Kubica
61 1:59'20.691 47.024 8.846 155.200
17 Denmark Kevin Magnussen
61 2:00'00.189 1'26.522 39.498 154.348
Finland Kimi-Matias Räikkönen
49 1:36'21.711 12 Laps 12 Laps 154.386
Mexico Sergio Pérez Mendoza
42 1:20'32.029 19 Laps 7 Laps 158.325
United Kingdom George Russell
34 1:02'56.102 27 Laps 8 Laps 163.983
Articolo successivo
LIVE F1, GP di Singapore: Gara

Articolo precedente

LIVE F1, GP di Singapore: Gara

Articolo successivo

Mondiale Piloti F1 2019: Leclerc sale al terzo posto

Mondiale Piloti F1 2019: Leclerc sale al terzo posto
Carica i commenti