Il radiatore ko ha innescato l'incendio di Webber

Il radiatore ko ha innescato l'incendio di Webber

L'olio fuoriuscito dopo il contatto con Sutil è arrivato a contatto con gli scarichi

La Red Bull ha spiegato che è stata la rottura di un radiatore, patita in seguito alla toccata con Adrian Sutil, ad innescare l'incendio della RB9 di Mark Webber durante il Gp di Corea. L'olio fuoriuscito dal radiatore è infatti arrivato a contatto con gli scarichi incandescenti del motore Renault, dando vita alle fiamme che hanno danneggiato in maniera piuttosto vistosa la monoposto dell'australiano. Questo anche a causa della scarsa prontezza di riflessi dei commissari, che hanno atteso parecchio tempo prima di intervenire con gli estintori. Gli uomini di Milton Keynes comunque devono ancora capire se sarà possibile recuperare questo telaio o se in Giappone Webber ne dovrà utilizzare un altro. "Porteremo un telaio di riserva e tutti i componenti per assemblarlo, ma dobbiamo ancora valutare i danni riportati da questi per capire se è riparabile o meno" ha detto il team principal Christian Horner.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Mark Webber
Articolo di tipo Ultime notizie