Whiting: "Niente limite di 60 Km/h in pit lane"

Il direttore di gara dei Gp smentisce che ci sia una volontà della FIA di cambiare la regola

Whiting:
Charlie Whiting, direttore di corsa della Formula 1 e delegato tecnico addetto anche alla sicurezza è stato lapidario ai microfoni della BBC: "Non ci sono valide ragioni per cambiare la velocità in pit lane, perché non ci sono indicazioni che l'attuale limite sia poco sicuro". Il problema è stato posto dal settimanale Autosprint che ha dedicato il suo servizio di copertina alla volontà della FIA di ridurre la velocità di percorrenza in pit lane dagli attuali 100 km/h a 60 orari. Nel servizio si spiegava che la scelta sarebbe stata dettata dal presidente della FIA, Jean Todt, che avrebbe voluto allineare la Formula 1 alle altre categorie che hanno già adottato il passaggio ai 60 km/h come il WTCC, Le Mans o la Nascar. Il provvedimento, che sarebbe stato dettato da ragioni di sicurezza, avrebbe avuto dei riflessi sulle strategie di gara, riducendo probabilmente il numero dei pit stop. Che ci sia una dicotomia fra l'esigenza di garantire la sicurezza (Todt) e la voglia di non intaccare lo spettacolo (Whiting/Ecclestone)? E' possibile che ci sia una divergenza di vedute fra Parigi e Londra, ma la sensazione è che il potere sia controllato in Gran Bretagna...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie