“Cervello Super Veloce” : il libro del dottore Ceccarelli

Riccardo Ceccarelli nel libro edito da Sperling & Kupfler spiega quanto sia importante la preparazione mentale per un pilota di Formula 1: il medico di Viareggio racconta 30 anni di esperienza nel paddock dei GP a contatto con i campioni del volamte. La prefazione è di Charles Leclerc.

“Cervello Super Veloce” : il libro del dottore Ceccarelli

“Dalla pista alla strada” è uno degli slogan più longevi che hanno accompagnato la Formula 1 nel corso della sua lunga storia. Il riferimento è a tutte le tecnologie ideate e sviluppate per un utilizzo agonistico che hanno successivamente trovato applicazione nella auto di serie, un legame attivo ancora oggi.

Il travaso di conoscenze provenienti dalla Formula 1 in alcuni casi è andato oltre gli aspetti puramente tecnici, e un esempio concreto arriva dal dottor Riccardo Ceccarelli, da oltre trent’anni instancabilmente al seguito dei piloti per studiarne ogni aspetto della loro vita da corsa.

Dopo essere stato il pioniere sul fronte della preparazione fisica, della corretta alimentazione e di molti altri aspetti legati alla medicina dello sport, Ceccarelli è stato il precursore di una area di lavoro che ancora suscita molta curiosità: la preparazione mentale.

“Cervello Super Veloce” è un libro di 218 pagine disponibile su Amazon a 16,90 euro nel quale Ceccarelli descrive i risultati di anni di lavoro svolto in prima persona nello studio e nel miglioramento della preparazione mentale dei piloti di Formula 1, portando il lettore in un mondo che ai più sarà del tutto nuovo.

Il volume è preceduto da una prefazione di Charles Leclerc, che ricorda quando (a soli 13 anni) ha iniziato a lavorare presso il centro Formula Medicine del dottor Ceccarelli.
“Correvo in go-kart – ricordo l’attuale pilota della Ferrari – andavo forte ma a volte non ero capace di gestire la mia carica agonistica, la mia determinazione, soprattutto quando accadeva qualche episodio che mi faceva arrabbiare. La testa e le emozioni erano per me più una debolezza che un pregio, ma ci ho lavorato parecchio, con Riccardo e la sua équipe, composta da medici, preparatori atletici e psicologi: capirono subito la mia personalità ed elaborarono un programma su misura per me, ed io capii che era possibile farlo”.

Cosa rende i piloti di Formula 1 così speciali? Gli studi di Ceccarelli, ampiamente descritti nel libro, portano ad una risposta chiara: l’efficienza mentale.

Studi che hanno trovato applicazioni anche al di fuori dell’area puramente agonistica, allargando il campo a tutti i settori nei quali non è raro vivere dei picchi di stress.
“Abbiamo realizzato il programma Mental Economy Training – ha spiegato Ceccarelli – un allenamento che ottimizza le funzioni cerebrali, migliora il controllo emotivo anche in condizioni di stress elevato, aumentando la lucidità, il senso di sicurezza e la concentrazione. Tutti strumenti che servono anche ai top manager, per esempio, ed è per questo che il metodo si sta diffondendo anche nelle aziende italiane e straniere”.

condividi
commenti
Alonso: "In Alpine vogliamo ripetere i successi del passato"

Articolo precedente

Alonso: "In Alpine vogliamo ripetere i successi del passato"

Articolo successivo

Podcast: Perez, GP di Sakhir. Quando una vittoria cambia la vita

Podcast: Perez, GP di Sakhir. Quando una vittoria cambia la vita
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Roberto Chinchero