Caso Racing Point: Renault può fare ancora reclamo!

condividi
commenti
Caso Racing Point: Renault può fare ancora reclamo!
Di:
18 lug 2020, 09:09

Tombazis, capo dei tecnici FIA per le monoposto, ha spiegato che il team di Silverstone può insistere a montare le prese contestate, mentre Renault ha diritto di presentare altri reclami fino a quando il caso non sarà chiuso.

La FIA sta anticipando che il team Renault di Formula 1 presenterà un'altra protesta riguardante i condotti dei freni del Racing Point dopo il GP di Ungheria - e in effetti dopo ogni gara fino alla conclusione della questione.

La Renault ha lanciato una protesta contro le auto di Sergio Perez e Lance Stroll dopo il GP della Stiria, in cui i Racing Point hanno chiuso al sesto e settimo posto, suggerendo che si tratta di copie di quelle utilizzate sulla Mercedes del 2019.

Dettaglio della presa d'aria anteriore della Racing Point RP20

Dettaglio della presa d'aria anteriore della Racing Point RP20

Photo by: Giorgio Piola

Mercedes AMG F1 W10, cestello del freno anteriore

Mercedes AMG F1 W10, cestello del freno anteriore

Photo by: Giorgio Piola

Poiché Racing Point ha scelto di continuare a gestire le controverse condotte dei freni, Renault ha la possibilità di protestare dopo ogni gara.

Il Racing Point sta ora preparando la sua difesa e la FIA prevede che se tutte le prove saranno raccolte in tempo, il caso verrà ascoltato nell'ultima settimana di luglio, appena prima del GP di Gran Bretagna. In tal caso, prima della gara emergerà un risultato.

Tuttavia, se la squadra perdente fa appello, il caso probabilmente continuerà fino a dopo il sesto round in Spagna - potenzialmente scatenando ulteriori proteste alle due gare di Silverstone ea Barcellona.

"Attualmente hanno protestato contro il GP della Stiria", ha dichiarato il capo della FIA per le questioni tecniche delle monoposto, Nikolas Tombazis.

“Hanno il diritto di protestare contro gli altri Gran Premi fino a quando la questione non viene giudicata, e Racing Point ha il diritto di correre con questi componenti o altri componenti. A seconda che si sentano sicuri di vincere il caso o meno, e se alla fine la Renault decide di protestare per ogni singola gara, hanno il diritto di farlo. E Racing Point avrebbe quel rischio da correre.

“Penso sia probabile che vedremo quindi, per motivi di formalità, potenziali proteste. È una decisione della Renault, non è certo la nostra decisione, il nostro desiderio o quello di nessuno. Ma penso che probabilmente vedremo proteste fino a quando la questione non verrà giudicata.

Non solo ma Tombazis spiega che i condotti sono perfettamente identici, ma non crede che ci sia qualche irregolarità in corso…

“In questo processo, abbiamo confiscato otto di questi componenti della Racing Point in Stiria. Li abbiamo ispezionati e abbiamo confermato che sono tutti identici in tutto e per tutto. Con l'approvazione dei commissari e della Renault, ne abbiamo restituiti sei a Racing Point e abbiamo mantenuta una brake duct anteriore e una posteriore. Abbiamo chiesto alla Mercedes di fornirci gli stessi pezzi. E quando dico gli stessi, intendo i componenti che hanno usato l'anno scorso e che la Renault siamo simili”.

“Poi abbiamo chiesto a Racing Point e Mercedes di inviarci i dati CAD relativi a questi componenti. Ora stiamo facendo un confronto dettagliato per vedere in che modo sono simili oppure no”.

Tombazis ha aggiunto che il travaso di tecnologia c’è stato l’anno scorso quando non era ancora in atto il divieto di usare parti che all’inizio del 2020 sono diventate esclusive. In ballo c’è la proprietà intellettuale delle brake duct: Racing Point cercherà di dimostrare che queste parti le aveva acquisite nel 2019 quando il divieto non era ancora in atto, mentre Renault sostiene che due squadre hanno condiviso lo stesso progetto e, allora, anche la Marcedes dovrebbe essere sanzionata proprio come la Racing Point.

Ghini: "Coletta? Poteva essere team principal al posto di Mattiacci"

Articolo precedente

Ghini: "Coletta? Poteva essere team principal al posto di Mattiacci"

Articolo successivo

LIVE Formula 1, GP di Ungheria: Libere 3

LIVE Formula 1, GP di Ungheria: Libere 3
Carica i commenti