Capito: "Albon è solo un pilota Williams per il 2022"

Il team principal della Williams spiega che l'anglo thailandese ha rinunciato ai legami con la Red Bull (che vanta solo un'opzione per il 2023) per correre al fianco del confermato Latifi. Alex prenderà il posto di Russell: "Non potevamo tenere George perché sarebbe stato un pilota deluso, è giusto che vada alla Mercedes". "Abbiamo scelto Albon perché è un mix di gioventù ed esperienza, con un vantaggio su de Vries. E Wolff ha capito...".

Capito: "Albon è solo un pilota Williams per il 2022"

Jost Capito fa il punto della situazione dopo che George Russell è stato ufficializzato alla Mercedes per il 2022 e il posto dell’inglese verrà ereditato da Alexander Albon che andrà ad affiancare il confermato Nicholas Latifi.

La Williams ha definito i piani per la prossima stagione: l’anglo thailandese è stato contrattualizzato nonostante i timori di Toto Wolff che non gradiva un pilota Red Bull su una macchina con motore Mercedes.

Alla fine il team di Milton Keynes ha liberato Albon, ma ha solo mantenuto un’opzione per l’anno successivo…
“Quello che posso dire è che Albon sarà solo un pilota Williams nel 2022”.

È vero che Albon è stato raccomandato da Russell?
“Questa è una buona domanda. È stata una decisione molto difficile da prendere perché c’era la scelta fra un paio di piloti molto forti, ma quando ci è stata prospettata una combinazione di gioventù ed esperienza in Formula 1 non abbiamo esitato”.

“Alex e Nicholas sono stati compagni di squadra in Formula 2: i due hanno un ottimo rapporto e vogliamo assicurarci che ci possa essere una buona comunicazione tra i due lati del box. Volevamo proseguire anche con Latifi, perché non mi piace l’idea di cambiare i due piloti contemporaneamente, anche perché Nicky sta facendo un ottimo lavoro quest'anno ed è in costante crescita, per cui potrà fare ancora meglio l'anno prossimo”.

Cosa perdi senza Russell?
“Le chiacchiere di George in Mercedes sapevamo che erano in corso. Sapevamo che avremmo potuto perderlo perché il suo contratto è in scadenza e aveva fatto un ottimo lavoro quando è stato chiamato dalla Mercedes. Era ovvio che lo prendessero e avevano il diritto di farlo”.

“Inoltre, siamo stati molto favorevoli al passaggio in Mercedes, perché se George fosse dovuto rimanere in Williams avendo la possibilità di guidare la monoposto migliore che pilota avremmo avuto? Certamente un deluso che non avrebbe potuto dare il suo meglio”.

“E’ per questo che, quando abbiamo visto che George poteva approdare in Mercedes, abbiamo cominciato a guardarci intorno. E abbiamo esaminato tutte le opzioni che c’erano. Non è stata una scelta facile perché c’erano un paio di piloti che avrebbero meritato di essere in F1 entrambi”.

L’alternativa di Albon era de Vries, spinto da Toto Wolff…

“Penso di avere una relazione duratura con Toto, da quando ero in Volkswagen e insieme dovevamo gestire la F3. Dunque ci conosciamo da anni e abbiamo un grande rispetto reciproco. Wolff ha capito le nostre esigenze, sebbene Nyck fosse il suo pilota in Formula E. Penso sia felice se resterà ancora una stagione in Formula E, anche se convengo che Nyck meriterebbe un posto in Formula 1”.

“Noi, però, dobbiamo bilanciare tra giovinezza ed esperienza: è per questo che Alex ha avuto un vantaggio su Nyck. Toto sa benissimo che non siamo un team B e non siamo una squadra satellite Mercedes. Wolff è anche consapevole delle capacità di Alex ed è dell'opinione che meriti un posto in Formula 1”.

condividi
commenti
Ceccarelli: “Kubica ha una forza mentale incrollabile”

Articolo precedente

Ceccarelli: “Kubica ha una forza mentale incrollabile”

Articolo successivo

Video: Monza '71, il GP di F1 più tirato di sempre

Video: Monza '71, il GP di F1 più tirato di sempre
Carica i commenti