F1 | Calendario 2022: preoccupano le nuove restrizioni COVID

Il direttore sportivo della Formula 1, Steve Nielsen, ha ammesso di essere preoccupato per il potenziale impatto che il ritorno di restrizioni COVID-19 più severe può avere sul calendario del prossimo anno.

F1 | Calendario 2022: preoccupano le nuove restrizioni COVID

La Formula 1 ha gestito con successo 22 eventi quest'anno, dopo essersi destreggiata nuovamente tra le cancellazioni di alcuni eventi a causa della pandemia.

Un allentamento alle restrizioni negli ultimi mesi, in particolare per quanto riguarda le liste rosse della Gran Bretagna, che avevano impatto sul rientro alla base delle squadre, ha contribuito a spinare la strada al ritorno dei viaggi extraeuropei nel finale della stagione.

Tuttavia, l'emergere della variante Omicron nelle ultime settimane ha portato diversi a paese a ricominciare a fissare delle restrizioni.

Al momento, nessuno dei paesi che ospitano la Formula 1 fa parte della lista rossa del Regno Unito, ma questo potrebbe anche cambiare con lo sviluppo della situazione.

Nel frattempo l'ingresso in Australia, che dovrebbe ospitare la gara di Melbourne nel mese di aprile del prossimo anno, rimane molto controllato, con una quarantena di 14 giorni in hotel da rispettare.

Leggi anche:

"Mentirei se dicessi che non sono un po' preoccupato, perché lo sono", ha detto Nielsen quando gli è stato chiesto da Motorsport.com se ha delle preoccupazioni legate al ritorno delle restrizioni.

"Perché, come avete giustamente sottolineato, l'ottimismo che forse avevamo un paio di mesi fa, che la pandemia fosse ormai alle spalle, è stato un po' abbattuto nelle ultime due o tre settimane".

"Quindi è una situazione in continua evoluzione. Fin dall'inizio, questa cosa è salita e scesa, a seconda del paese in cui ti trovi. Abbiamo dovuto camminare in punta di piedi intorno a questi tassi di infezione mutevoli e cercare di adattare il nostro calendario".

"Penso che l'unica cosa a nostro favore sia che nel 2020 la pandemia era nuova per ogni paese. Ora, anche se è ancora una cosa terribile, il mondo sta gradualmente imparando a conviverci".

"Così rispetto ad alcune delle restrizioni più severe che stavamo vedendo, certamente l'anno scorso, e la prima parte di quest'anno, i paesi stanno mettendo in atto protocolli più robusti e imparando a convivere con il virus".

"Il che, si spera, significhi che possano continuare ad accettare visitatori internazionali, che è ovviamente una cosa importante di cui abbiamo bisogno per poter portare in giro per il mondo il nostro campionato. Quindi siamo nervosi per questo".

"Sono abbastanza sicuro che possiamo completare il calendario che abbiamo, ma monitoreremo la situazione e reagiremo se sarà necessario".

Quando gli è stato domandato se la F1 ha già un piano B con sedi alternative in stand-by, come Portimao per esempio, Nielsen ha insistito che l'attenzione rimane sul calendario attuale.

"Onestamente, siamo sul piano A. E non stiamo cercando alternative al piano A. Se dovremo, perché le cose cambiano, lo faremo. Ma questo scenario è lontano al momento".

condividi
commenti
Giovinazzi corre ad Abu Dhabi con un casco-dedica per Raikkonen
Articolo precedente

Giovinazzi corre ad Abu Dhabi con un casco-dedica per Raikkonen

Articolo successivo

F1 | Abu Dhabi, Libere 1: Verstappen precede le due Mercedes

F1 | Abu Dhabi, Libere 1: Verstappen precede le due Mercedes
Carica i commenti