Formula 1
G
GP dell'Eifel
09 ott
Prossimo evento tra
15 giorni
G
GP del Portogallo
23 ott
Prossimo evento tra
29 giorni
G
GP di Turchia
13 nov
Prossimo evento tra
50 giorni
04 dic
Prossimo evento tra
71 giorni
G
GP di Abu Dhabi
11 dic
FP1 in
79 giorni

F1, calendario 2020: certezza Portimao, dubbi su America e Asia

condividi
commenti
F1, calendario 2020: certezza Portimao, dubbi su America e Asia
Di:

Il numero di almeno 15 GP sembra garantito, con la possibilità di arrivare a 17. Per il Mugello è quasi fatta, ancora forti dubbi su Sochi e Austin. Improbabile l'ipotesi Brasile.

L’attesa seconda parte del calendario 2020 di Formula 1 è ancora in stand-by. Molti addetti ai lavori attendevano una comunicazione da parte di Liberty Media alla vigilia del via del Gran Premio d’Austria, ma il mosaico non è ancora completo.

Per i tifosi italiani la buona notizia è che la corsa sul circuito del Mugello viene ormai data per certa, il prossimo 13 settembre, mentre non è ancora chiaro come si svilupperà il calendario dalla seconda parte di settembre fino alla fine di ottobre.

Il punto fermo è il circuito di Portimao, che ospiterà il Gran Premio del Portogallo il 4 ottobre, mentre ci sono ancora dei forti dubbi riguardanti la tappa di Sochi, prevista il 27 settembre.

Se la trasferta russa dovesse saltare, prenderà quota la candidatura di Hockenheim, come ultima tappa europea. Poi sul tavolo ci sono due scenari: da una parte il Canada, che spinge per poter ospitare la Formula 1 l’11 ottobre, dall’altra il ritorno di Shanghai, che avrebbe dato segnali di apertura a Liberty.

La trasferta di Montreal diventerebbe più probabile qualora ci fosse la possibilità di abbinare una seconda gara sul continente americano (Liberty vorrebbe Austin, ma la situazione Covid-19 in Texas oggi non è delle migliori), viceversa potrebbe arrivare la decisione di puntare sull’Asia, con tappa a Shanghai prima del finale in Medioriente in Bahrain ed Abu Dhabi.

Il numero di almeno quindici Gran Premi sembra quindi garantito, con la possibilità che si possa arrivare a quota diciassette qualora arrivassero segnali incoraggianti da Stati Uniti o Messico. Molto improbabile appare l’ipotesi Brasile, al momento alle prese con grandi problemi legati alla pandemia.

Sainz: "Da Maranello mi tenevano d'occhio da tempo!"

Articolo precedente

Sainz: "Da Maranello mi tenevano d'occhio da tempo!"

Articolo successivo

Renault: le novità tecniche crescono come... funghi

Renault: le novità tecniche crescono come... funghi
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Roberto Chinchero