Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Gara in
20 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
24 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
62 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
76 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
80 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
97 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
111 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
139 giorni
05 set
Gara in
146 giorni
12 set
Gara in
153 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
167 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
171 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
181 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
195 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
202 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
244 giorni

Budget cap: niente rinvii, ma 6 mesi per il taglio degli organici

I tre top team per adeguare gli organici alla riduzione dei costi dettata dal Budget cap hanno avuto una deroga di sei mesi nel 2021 per ridurre gli organici. Le norme che regolano il lavoro nei diversi paesi sono molto diverse e avrebbero potuto avere un impatto sulle vetture del prossimo anno. Oltre al semestre per attuare il "soft landing", Mercedes, Ferrari e Red Bull potranno usare 6 milioni di euro per gestire questa delicata fase di transizione.

Budget cap: niente rinvii, ma 6 mesi per il taglio degli organici

Gli inglesi lo chiamano “soft landing”. Un atterraggio morbido. La F1 ha concesso una dilazione di tempo di sei mesi a tutti i team che dovranno portare a termine la riduzione degli organici affinché siano in linea con i limiti di costo fissati dal budget cap.

Mercedes, Ferrari e Red Bull (ma pare anche McLaren) si devono “smagrire”: con i vincoli del regolamento finanziario che impone una spesa massima di 145 milioni di dollari nel 2021 e con i blocchi regolamentari che ridurranno in modo sensibile la ricerca e lo sviluppo delle monoposto in galleria del vento e al CFD e dei motori ai banchi prova, diventa evidente che sarà necessario tagliare gli organici. I tre top team hanno strutture che superano le mille persone.

Ma siccome le leggi che governano le norme sul lavoro sono molto diverse nei diversi stati (in Italia, per esempio, c’è una tutela del posto molto più forte di quanto accade in Gran Bretagna, dove la risoluzione di un rapporto può avvenire da un giorno all’altro) è stato concesso un periodo di sei mesi per attuare la ristrutturazione in modo tale che il cambiamento non debba impattare anche sugli sviluppi delle monoposto 2021.

Sia ben chiaro che non ci sarà alcuna dilazione del Budget cap, uno dei “pilastri” del nuovo Patto della Concordia, quanto la possibilità di uno sforamento di budget di 6 milioni di euro per gestire questa importante fase di transizione.

La Ferrari ha fatto sapere che non lascerà a piedi nessuno, tant’è che sta studiando anche dei programmi sportivi alternativi (Le Mans o Indycar) nei quali impiegare una parte del personale eccedente, mentre il restante potrebbe trovare una nuova casa nella Gestione Industriale dove sono previste molte assunzioni per far fronte all’arrivo di nuovi modelli nella gamma di prodotto del Cavallino.

condividi
commenti
Report F1: Stefano Domenicali, il nuovo Ecclestone

Articolo precedente

Report F1: Stefano Domenicali, il nuovo Ecclestone

Articolo successivo

TIME: Hamilton nella lista delle 100 persone più influenti 2020

TIME: Hamilton nella lista delle 100 persone più influenti 2020
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Team Ferrari Races , Red Bull Racing , Mercedes
Autore Franco Nugnes