Formula 1
30 apr
-
03 mag
Evento concluso
07 mag
-
10 mag
Evento concluso
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
112 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
155 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
169 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
183 giorni

F1, Brown provoca: "Le vetture clienti dovrebbero essere gratis"

condividi
commenti
F1, Brown provoca: "Le vetture clienti dovrebbero essere gratis"
Di:
, Grand prix editor
5 mag 2020, 13:32

Secondo il CEO della McLaren, i top team di Formula 1 dovrebbero offrire gratuitamente delle vetture clienti se prendessero seriamente l'idea di contenere i costi.

I team di Formula 1 stanno lavorando insieme per cercare di capire come operare dei tagli ai costi in vista della crisi economica generata dalla pandemia del Coronavirus, che ha già costretto ad annullare o rinviare le prime dieci gare della stagione 2020.

Le vetture di quest'anno saranno utilizzate anche nel 2021, proprio per ridurre i costi di sviluppo, mentre il budget cap, che entrerà in vigore nella prossima stagione, è stato ridotto da 175 a 145 milioni di dollari.

La scorsa settimana, il team principal della Red Bull, Christian Horner, ha detto a Motorsport.com che la F1 dovrebbe prendere in considerazione l'utilizzo delle customer car per aiutare i team più piccoli, consentendo loro di utilizzare il telaio della stagione precedente di uno dei top team.

Leggi anche:

Horner ha detto che il modo più veloce per aumentare la competitività e ridurre i costi in F1, sarebbe quello di vendere l'intera vettura con cui i top team hanno concluso la stagione, eliminando così i costi di sviluppo per quelli più piccoli.

Parlando in esclusiva a Motorsport.com per l'ultima intervista della serie #thinkingforward, Zak Brown, ha detto che semmai le vetture clienti dovrebbero essere donate ai team più piccoli piuttosto che essere vendute.

"Direi che se andassimo in quella direzione, quella delle vetture clienti, trattandosi di vetture vecchie di un anno, che sarebbero buttate vie, allora penso che i top team dovrebbero donarle" ha detto Brown.

"Non c'è nessun costo per loro. Hanno già fatto sia lo sviluppo che i pezzi di ricambio, quindi dovrebbero darli ai loro clienti e non farli pagare".

"Non gli costerebbe nulla. E poi, se hanno davvero intenzione di far risparmiare soldi ai team clienti, allora gli diano la macchina".

 

Il dibattito sulle vetture clienti si è acceso ancora prima dell'inizio della stagione, con le polemiche legate alla Racing Point RP20, monoposto che aveva trovato una chiara "ispirazione" nella monoposto campione del mondo in carica, la Mercedes W10.

"Sapete che non sono un fan delle vetture clienti. Tutti parlano del DNA della Formula 1, ovvero del fatto che i team sono i costruttori delle proprie vetture" ha detto Brown.

"Penso che qualcuno si sia già spinto al limite su questo fronte, costruendo la macchina di qualcun altro più che la propria. Penso che sia un argomento che debba essere affrontato".

"Se si tratta di una questione di costi, allora penso che possa essere una soluzione. A patto di tornare al punto di partenza quando si sarà usciti da questa crisi".

"La nuova normalità non sarà più come quella che avevamo prima, quindi mi sembra che possa essere una soluzione. Potrebbe risolvere il problema per un anno o due, ma poi dovremo tornare al punto di partenza".

Informazioni aggiuntive di Jonathan Noble and James Allen

Articolo successivo
Brawn: “Test COVID-19 al personale di F1 ogni due giorni”

Articolo precedente

Brawn: “Test COVID-19 al personale di F1 ogni due giorni”

Articolo successivo

Il giorno in cui Senna non riuscì a qualificarsi per un GP di F1

Il giorno in cui Senna non riuscì a qualificarsi per un GP di F1
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Luke Smith