Boullier: "La vittoria di Melbourne è solo l'inizio!"

Il team principa della Lotus ci crede: "Sappiamo che mosse fare per rimanere al vertice"

Boullier:
La vittoria di Kimi Raikkonen in quel di Melbourne è stata una sorpresa praticamente per tutti, ma non per Eric Boullier. In un'interessante intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport, il team principal della Lotus ha infatti spiegato che per lui e per la sua squadra il successo del Gp d'Australia deve essere inteso come un punto di partenza e non come un punto di arrivo. "Il nostro obiettivo è di rimanere tra le squadre di vertice. Sappiamo quali sono le mosse da fare durante la stagione per lottare sino alla fine per il Mondiale, anche se è prematuro di scutere di questo" ha assicurato il manager francese. Una vittoria arrivata grazie ad un'ottima gestione delle gomme, che ha consentito a Raikkonen di effettuare solamente due soste: "Sapevamo che con due pit stop ce l’avremmo fatta, non ero preoccupato. Forse non immaginavo che saremmo stati così forti alla fine del Gp da poter ottenere anche il giro più veloce. Abbiamo mostrato il vero volto della Lotus e della E21, una macchina che non è calata alla distanza, efficiente anche sul giro secco". E ad Enstone non si sono seduti sugli allori, perchè a Sepang arriveranno già degli aggiornamenti per la E21: "In Australia tutto è filato liscio, qui si ricomincia daccapo e sarà dura. Abbiamo delle nuove parti che stanno arrivando dall'Inghilterra. La temperatura più alta ci permetterà di fare ancora meglio". Detto che secondo lui l'organizzazione della squadra è migliorata in tutti i settori, per puntare al successo finale alla Lotus manca solo un budget all'altezza degli altri top team. Boullier però spera che qualcosa si possa smuovere: "Siamo allo stesso livello del 2012. Spero che questa vittoria smuova i nostri partner, convincendoli che siamo una grande squadra, non un team che partecipa e basta". Infine, eccoci all'eroe di domenica, Kimi Raikkonen: "Il suo segreto? Nessuno deve dirgli che cosa deve fare. Lo sa già. La squadra lo stima e sa che va lasciato in pace e preso com'è, concedendogli la libertà che desidera. È uno che odia che gli si pongano limiti, cel’ha detto, l’abbiamo capito e i risultati sono questi. Ma è solo l’inizio...".

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Piloti Kimi Raikkonen
Articolo di tipo Ultime notizie