Bottas: come finire in un... buco nero
Prime
Formula 1 Analisi

Bottas: come finire in un... buco nero

Di:

Il finlandese sta vivendo una stagione in Mercedes molto diversa da quelle precedenti: sa di non essere in lizza per un rinnovo del contratto (il suo posto è promesso a Russell), non deve puntare a traguardi troppo ambiziosi altrimenti toglie punti a Hamilton nel duello con Verstappen, ma non può nemmeno tirare i remi in barca perché rischia di essere sostituito. Eppure sarà l'uomo determinante per conquistat dell'ottavo titolo Costruttori.

Qual è il destino di Valtteri Bottas? Il finlandese è terzo nel mondiale piloti con 47 punti. Dopo quattro GP ha collezionato tre terzi posti e un ritiro a Imola grazie al crash causato da George Russell.

Il bottino di Valtteri è pingue rispetto agli ultimi due anni e solo nel 2018 aveva totalizzato a parità di periodo 48 punti, ma nel suo ruolino di marcia vantava un secondo posto che oggi non c’è nel suo ranking.

condividi
commenti

Ferrari: quando si soffre un... cerchio alla testa

La Ferrari è consapevole che la debacle del GP di Francia sia dipesa dalla pessima gestione delle gomme al Castellet: Mattia Binotto ha parlato di un'influenza dei cerchi che sono congelati dallo scorso anno, ma è chiaro che le ruote non sono la causa prima del surriscaldamento, ma per evitare questi guai altre squadre come Mercedes e Red Bull hanno scelto proposto soluzioni molto più evolute realizzate sempre dallo stesso fornitore l'OZ Racing.

Hamilton: "Contratto? Abbiamo cominciato a parlarci"

Il sette volte campione del mondo è stato coinvolto in lunghe sessioni via zoom con i tecnici di Brackley per analizzare la cocente sconfitta del GP di Francia. Lewis ammette che sono state trovate delle soluzioni e la W12 correrà più scarica in Austria. L'inglese difende l'operato di Bottas che spinge perché resti come compagno di squadra, mentre è freddo su Russell: "Al momento non è il mio compagno di team quindi non c’è bisogno di dire nulla”. Più chiaro di così...

Leclerc: "I problemi? Sappiamo dove sono, ma non come risolverli"

Il giovane talento monegasco della Ferrari ammette che i problemi di degrado avuti in Francia potrebbero ricapitare ovunque, non essendo attesi al Paul Ricard. "Stiamo però lavorando per capire come risolverli", ha affermato.

Masi: "I track limits in Austria non saranno un problema"

Curva 9 e 10 gli unici punti critici per i piloti, che però dovranno andare oltre il cordolo con 4 ruote per incorrere in una sanzione. Curva 6 modificata con la ghiaia ora molto più vicina alla sede della pista.

Podcast: Un cavallino rampante di troppo

Nuova puntata di Pillole di Motorsport, il podcast di Motorsport.com dedicato ad aneddoti e curiosità del mondo dei motori. Il nostro viaggio nel tempo, nel mondo della Formula 1, ci porta al 1996. Il paddock di Silverstone, è teatro di un vero e proprio caso: a quanto pare, per qualcuno, c'è un "cavallino" di troppo...

Bottas: "Remissivo? Nessuno sa come lavoro dietro alle quinte!"

Il finlandese non ci vede niente di cambiato nell'atteggiamento con la squadra di Brackley: "In merito al team-radio, sono contento che sia piaciuto a Toto, ma in quel momento non ero così felice della situazione in cui mi trovavo e le emozioni emergono anche se sono nordico". Valtteri assicura di essere molto schietto nei briefing con il team: "E finora non mi hanno chiesto di aiutare Lewis. Ci sono ancora 16 gare ed è troppo presto".

Sainz: "Positiva la reazione Ferrari ai problemi della Francia"

Lo spagnolo alla vigilia delle prove libere del GP di Stiria ammette che non bastano tre giorni di lavoro a Maranello per risolvere il guaio della gestione delle gomme "ma abbiamo messo a a fuoco un piano per il breve, medio e lungo termine per provare a risolvere questo problema”. Carlos è stato partecipe di tutti gli incontri: ""È interessante vedere come una squadra così grande si sia mobilitata per affrontare e risolvere la questione".

Mick Schumacher svela: "E' da inizio stagione che guido storto"

Mick Schumacher ha rivelato di guidare in una posizione non corretta da inizio anno, ma non per colpa del sedile. Questo, infatti, è perfettamente dritto. Dovrà essere lui a dover modificare la sua postura in macchina. Haas, poi, modificherà il sedile per aiutarlo.

Vettel: "Ci manca il passo per poter lottare per i punti"

Articolo precedente

Vettel: "Ci manca il passo per poter lottare per i punti"

Articolo successivo

Reutemann è stabile, ma sempre in terapia intensiva

Reutemann è stabile, ma sempre in terapia intensiva
Carica i commenti