Bottas: "Adoro ancora guidare una monoposto di F1"

Il finlandese non sta pensando al suo futuro, ma si dedica al presente: "La stagione è ancora lunga, siamo solo alla settima di ventitré gare". Valtteri è consapevole che i risultati non sono in linea con le aspettative: "L’inizio di questa stagione non è stato l’ideale, ma sia nella vita che nello sport ci sono alti e bassi, e sono convinto che dopo un periodo non semplice ci aspettano bei momenti. E finora nessuno, né Toto, né altri hanno parlato di futuro".

Bottas: "Adoro ancora guidare una monoposto di F1"

L’arrivo della stagione estiva per Valtteri Bottas comporta anche il dover rispondere alle domande in merito al suo futuro. È così dal 2017, anno in cui iniziò la sua avventura in Mercedes, ma quest’anno le cose sembrano essere più complicate, sia a causa del suo rendimento (inferiore alle aspettative) che dalla presenza di una figura molto definita pronta a prendere il suo posto, ovvero George Russell.

E considerando il quadro generale del mercato piloti, ad essere a rischio non sembra essere solo la sua permanenza in Mercedes, ma anche quella in Formula 1.

Valtteri però ha maturato molta esperienza nel rispondere a queste domande...
“So che non posso fare nulla contro le indiscrezioni che girano – ha commentato – ogni stagione è la stessa cosa, così come sono sempre uguali le domande che mi vengono poste, credo faccia parte di questo sport. Ma da parte mia è troppo presto per rispondere, non abbiamo ancora discusso del contratto con la Mercedes, prima o poi arriverà anche questo momento”.

Un momento che non sembra avere una cadenza previsa.
“Ogni anno è diverso – ha chiarito Bottas – dipende da come sta andando la stagione, sia da parte mia che della squadra, dipende dalla situazione generale del team, se stanno valutando o meno altre opzioni, non c’è mai stata una regola bene precisa, ma negli anni ho imparato a non pensarci troppo, voglio essere concentrato solo sulle prossime tre gare. Il mio obiettivo ora è affrontare al meglio questa ‘tripletta’ di gare che inizierà domani, e non ho altro da aggiungere”.

In realtà poco dopo Bottas è tornato sull’argomento:
“Con Toto parliamo spesso, è sempre stato così, ma ne lui né altre persone mi hanno parlato di futuro, sono speculazioni, e da parte mia adoro ancora guidare una monoposto di Formula 1”.

“Se ripenso agli ultimi quattro anni vissuti in questa squadra – ha proseguito Valtteri chiarendo se il 2021 è diverso rispetto alle stagioni precedenti - ci sono stati alti e bassi. Nel complesso mi sono sentito a mio agio, questa è una squadra che ovviamente chiede molto, come previsto, e io chiedo molto dalla squadra, e tutto ciò che vogliamo fare è vincere, in ogni singola gara".

"L’inizio di questa stagione per tanti motivi non è stato l’ideale per noi, ma sia nella vita che nello sport ci sono alti e bassi, e sono convinto che dopo un periodo non semplice ci aspettano bei momenti, siamo solo al settimo di ventitré weekend di gara, c’è ancora una lunga strada da percorrere”.

condividi
commenti
Gasly: "Il mio futuro è nelle mani della Red Bull"
Articolo precedente

Gasly: "Il mio futuro è nelle mani della Red Bull"

Articolo successivo

Verstappen attacca: "I chiarimenti Pirelli non mi hanno convinto"

Verstappen attacca: "I chiarimenti Pirelli non mi hanno convinto"
Carica i commenti