F1, Baku, Libere 3: Verstappen sbatte, Gasly prevale, Hamilton risale

L'AlphaTauri stupisce nella terza sessione di prove libere del GP dell'Azerbaijan: Gasly è il più veloce davanti alla Red Bull di Sergio Perez, mentre Verstappen ha sbattuto alla curva 15 a metà turno. Hamilton, grazie a una scia poderosa, ha portato la Mercedes al terzo posto, mentre Bottas è ancora 13esimo. La Ferrari si difende bene con il quarto posto di Leclerc e il quinto di Sainz.

F1, Baku, Libere 3: Verstappen sbatte, Gasly prevale, Hamilton risale

La Honda ha cambiato i motori e Pierre Gasly ha dato un saggio della potenza della power unit giapponese forse già in mappatura da qualifica nella terza sessione di prove libere del GP dell'Azerbaijan. Il francese davvero a sorpresa ha portato la AT02 davanti a tutti con un 1'42"251 ottenut con le gomme soft. Pierre ha fatto una netta differenza lasciando la Red Bull addirittura a tre decimi.

La Red Bull si conferma veloce, la Mercedes si avvicina e la Ferrari è molto vicina. Max Verstappen sbatte e allora ci pensa Sergio Perez a portare la RB16B dietro alla monoposto cugina di Faenza. E la Mercedes? Era dispersa nelle retrovie con le W12 che non riescono a scaldare le gomme per il giro secco. La Pirelli ha aumentato la pressione di gonfiaggio di 1 PSI al posteriore (da 19 a 20 PSI) rendendo le monoposto più scivolose con una temperatura dell'asfalto di 58 gradi, ma Lewis Hamilton ha portato la freccia nera al terzo posto sfruttando proprio una scia potente della Red Bull allo scadere della sessione potendo togliere quasi mezzo secondo dalla sua prestazione.

Si tratta di un tempo "drogato" dalla scia perché Valtteri Bottas in seria difficoltà ha concluso solo 13esimo con una freccia nera che non sente le modifiche.

Nelle prime posizioni manca Max Verstappen (solo 15esimo) che ha provocato una bandiera rossa a metà turno: l'olandese con le gomme hard è andato a sbattere con la Red Bull contro le barriere della curva 15 (la stessa dove ha picchiato ieri Charles Leclerc con la Ferrari). Max stava cercando la prestazione, ma era già alla terza sbavatura con la mescola più dura e, forse, poteva evitare di andare a cercare dei rischi, perché non ha potuto provare la qualifica con le gomme soft avendo danneggiato l'anteriore della RB16B. Si è rotto anche  il braccio dello sterzo: la vettura è riparabile per la qualifica, ma certamente Max avrà perso un po' di fiducia per effetto dell'errore.

La Ferrari, senza troppo clamore, resta molto consistente: è quarta con Charles Leclerc e quinta con Carlos Sainz. Le due rosse hanno deciso di puntare sull'assetto aerodinamico più scarico per cercare le velocità massime sul lungo rettilineo. La SF21 è a un paio di decimi dalla Red Bull di riferimento del messicano, segno che la Scuderia può ambire a un ruolo da protagonista nella lotta per il gruppo di centro, per quanto Lando Norris si è molto avvicinato con la McLaren: l'inglese si è portato ad appena 5 millesimi dalla Ferrari, mentre Daniel Ricciatrdo continua a soffrire. L'australiano è decimo ma lascia sei decimi al compagno di squadra. Tanta roba...

Prosegue il weekend positivo di Fernando Alonso settimo con l'Alpine, mentre Esteban Ocon è nono con la vettura gemella, con Yuki Tsunoda che si è infilato fra le A521 all'ottava piazza.

Le due Aston Martin sono al margine della top 10 con Sebastian Vettel davanti a Lance Stroll. In difficioltà l'Alfa Romeo: Kimi Raikkonen è 14esimo e Antonio Giovinazzi solo 17esimo, niente di comparabile con la settima posizione di ieri.

Nicolas Latifi è 16esimo con la Williams, perché Russell ha dovuto parcheggiare la sua vettura ammutolita ed è solo 18esimo. Mick Schumacher ha prevalso su Nikita Mazepin nella sfida dei rookie Haas.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Distacco Distacco km orari
1 France Pierre Gasly
AlphaTauri 16 1'42.251 211.350
2 Mexico Sergio Pérez Mendoza
Red Bull 19 1'42.595 0.344 0.344 210.641
3 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
Mercedes 16 1'42.697 0.446 0.102 210.432
4 Monaco Charles Leclerc
Ferrari 16 1'42.778 0.527 0.081 210.266
5 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
Ferrari 17 1'43.006 0.755 0.228 209.801
6 United Kingdom Lando Norris
McLaren 15 1'43.011 0.760 0.005 209.791
7 Spain Fernando Alonso
Alpine 15 1'43.080 0.829 0.069 209.650
8 Japan Yuki Tsunoda
AlphaTauri 19 1'43.244 0.993 0.164 209.317
9 France Esteban Ocon
Alpine 15 1'43.294 1.043 0.050 209.216
10 Australia Daniel Ricciardo
McLaren 17 1'43.557 1.306 0.263 208.685
11 Germany Sebastian Vettel
Aston Martin 13 1'43.585 1.334 0.028 208.628
12 Canada Lance Stroll
Aston Martin 13 1'43.682 1.431 0.097 208.433
13 Finland Valtteri Bottas
Mercedes 16 1'43.745 1.494 0.063 208.306
14 Finland Kimi-Matias Räikkönen
Alfa Romeo 17 1'43.826 1.575 0.081 208.144
15 Netherlands Max Verstappen
Red Bull 6 1'43.984 1.733 0.158 207.828
16 Canada Nicholas Latifi
Williams 17 1'44.054 1.803 0.070 207.688
17 Italy Antonio Maria Giovinazzi
Alfa Romeo 11 1'44.113 1.862 0.059 207.570
18 United Kingdom George Russell
Williams 12 1'44.434 2.183 0.321 206.932
19 Germany Mick Schumacher
Haas 17 1'45.282 3.031 0.848 205.265
20 Russian Federation Nikita Mazepin
Haas 12 1'45.711 3.460 0.429 204.432
condividi
commenti
Pirelli aumenta la pressione: una grana in più per Mercedes
Articolo precedente

Pirelli aumenta la pressione: una grana in più per Mercedes

Articolo successivo

Ferrari: Binotto lascia il muretto, cambia l'organizzazione in pista

Ferrari: Binotto lascia il muretto, cambia l'organizzazione in pista
Carica i commenti