Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
29 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
70 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
101 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
108 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
119 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
140 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
154 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
182 giorni
02 set
Prossimo evento tra
189 giorni
09 set
Prossimo evento tra
196 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
210 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
217 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
224 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
238 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
245 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
281 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
290 giorni

F1, Bahrain: per Hamilton una pole da record

Lewis conquista la 98esima pole position della carreira alla conclusione delle qualifiche del GP del Bahrain. L'inglese ha stracciato il record della pista e ha rifilato quasi tre decimi a Bottas secondo. Verstappen ci ha provato a infilarsi fra le due Mercedes, ma ha dovuto accontentarsi della terza piazza. Tutti gli altri sono oltre un secondo con Albon quarto. Male le Ferrari che non superano la Q2: Vettel 11esimo e Leclerc 12esimo. Un passo indietro per la Rossa.

condividi
commenti
F1, Bahrain: per Hamilton una pole da record

Giù il cappello: Lewis Hamilton non è un campione del mondo per sette volte a caso. L'inglese ha piegato tutti nella notte di Al Sakhir conquistando la pole position nel GP del Bahrain: con il tempo di 1'27"264 ha battuto il record della pista di sei decimi che era detenuto dalla Ferrari di Charles Leclerc (2019). Il britannico ha dato una sonora lezione a tutti riscaldando nel modo più appropriato le gomme soft nel giro di lancio, mentre gli avversari si sono lamentati del surriscaldamento degli pneumatici nell'ultimo settore di un impianto che è molto rugoso.

Lewis colleziona la 98esima partenza al palo, lanciandosi verso la centesima pole entro la fine di questa stagione che è anche la decima di questo campionato e la terza nell'emirato. La Mercedes mette nel carniere un'altra prima fila, visto che Valtteri Bottas è riuscito a scalzare Max Verstappen dalla seconda posizione che aveva colto nel primo run della Q3. Il finlandese ha pagato 289 millesimi al compagno di squadra dopo aver concluso un giro che ha giudicato perfetto!

Max Verstappen ci ha provato a infilarsi fra le due Mercedes ma si è dovuto arrendere alla superiorità delle W11: l'olandese con 1'27"678 ha lasciato quattro decimi dalla vetta, segno che la Red Bull non sembra in grado di chiudere il gap dalle frecce nere. I primi tre hanno fatto il vuoto, ma AlexanderAlbon è stato bravo a mettere la seconda RB16 in quarta piazza completando la seconda fila della squadra di Milton Keynes: per l'anglo-thailandese non è stato facile cancellare il crash di ieri che potrebbe essergli costato il posto in squadra. Ha reagito bene (è arrivato a essere di nuovo largo sul cordolo incriminato e di nuovo non ha tolto il piede dal gas, ma questa volta non ha commesso errori), ma ha sommato un pesante distacco (sei decimi) dal Super Max.

A ridosso della RB16 è arrivato Sergio Perez, quinto con la Racing Point: il messicano non merita di essere scaricato dalla F1 perché continua a mostrare prestazioni di eccellenza. Le due Renault viaggiano di conserva al sesto posto con Daniel Ricciardo e Esteban Ocon al settimo: le due R.S.20 sono separate da 2 millesimi, segno che i piloti sono arrivati al limite della vettura.

Lando Norris ha portato la McLaren al nono posto, infilandola fra le due AlphaTauri, con il solito Pierre Gassly ottavo e Daniil Kvyat decimo.

Le due Ferrari continuano il loro calvario nel deserto: la squadra del Cavallino arranca in Bahrain e, come nel resto del weekend, Sebastian Vettel è stato più veloce di Charles Leclerc per 16 millesimi di secondo appena.

La SF1000 accusa molto sottosterzo nelle curve che immettono nei lunghi rettilinei e poi paga l'endemica carenza di potenza della power unit. Insomma un appuntamento da dimenticare per Maranello e la pole position di Leclerc dell'anno scorso sembra lontana un secolo. I due ferraristi hanno fatto un solo tentativo vist che il turno si è accorciato per la bandiera rossa di Sainz. Prima dell'interruzione le due Ferrari erano in scia (Vettel davanti a Leclerc) e il monegasco era riuscito a percorrere il T1 in un tempo di tre decimi più veloce di quello poi fatto dal giovane del Cavallino. Peccato...

Male anche Lance Stroll: il poleman della Turchia non è riuscito a entrare in Q3 con la Racing Point. Il canadese sarà 13esimo in griglia davanti all'ottimo George Russell che per la nona volta quest'anno è riuscito a piazzare le Williams in Q2: l'inglese è stato l'unico che si è presentato in pista con le gomme soft, mentre tutti gli altri hanno optato per le gialle con le quali scatteranno domani al via della gara.

Non è riuscito a chiudere nemmeno un giro della Q2 il povero Carlos Sainz che è finito in testacoda alla curva 1 nel primo giro lanciato a causa del bloccaggio della trasmissione in quarta marcia, mentre stava scalando i rapporti in staccata. Lo spagnolo ha perso il retrotreno che si è inchiodato e ci è voluto il carro attrezzi per spostare la McLaren: inevitabile, quindi, la bandiera rossa che ha interrotto la sessione cronometrata. Carlos scatterà domani 15esimo.

Non superano la tagliola della Q1 le due Alfa Romeo: Antonio Giovinazzi si conferma più veloce di di Kimi Raikkonen di tre decimi, mostrando una forma migliore di quella di Iceman spesso al bloccaggio in frenata.

La lista dei motorizzati Ferrari si completa con le due Haas che sono 18esima con Kevin Magnessn e 19esima con Romain Grosjean. I team clienti del Cavallino pagano la carenza di potenza della power unit sui quattro rettilinei di Al Sakhir.

Chiude la lista Nicholas Latifi con la Williams: il canadese, però, ha pagato un distacco di appena 1"839 dalla vetta: la griglia è davvero molto compressa nell'emirato...

Cla Pilota Tempo Distacco km orari
1 United Kingdom Lewis Carl Davidson Hamilton
1'27.264 223.267
2 Finland Valtteri Bottas
1'27.553 0.289 222.530
3 Netherlands Max Verstappen
1'27.678 0.414 222.213
4 Thailand Alexander Albon
1'28.274 1.010 220.712
5 Mexico Sergio Pérez Mendoza
1'28.322 1.058 220.592
6 Australia Daniel Ricciardo
1'28.417 1.153 220.355
7 France Esteban Ocon
1'28.419 1.155 220.350
8 France Pierre Gasly
1'28.448 1.184 220.278
9 United Kingdom Lando Norris
1'28.542 1.278 220.044
10 Russian Federation Daniil Kvyat
1'28.618 1.354 219.856
11 Germany Sebastian Vettel
1'29.149 1.885 218.546
12 Monaco Charles Leclerc
1'29.165 1.901 218.507
13 Canada Lance Stroll
1'29.557 2.293 217.550
14 United Kingdom George Russell
1'31.218 3.954 213.589
15 Spain Carlos Sainz Vázquez de Castro
16 Italy Antonio Maria Giovinazzi
1'29.491 2.227 217.711
17 Finland Kimi-Matias Räikkönen
1'29.810 2.546 216.937
18 Denmark Kevin Magnussen
1'30.111 2.847 216.213
19 France Romain Grosjean
1'30.138 2.874 216.148
20 Canada Nicholas Latifi
1'30.182 2.918 216.043
LIVE Formula 1, Gran Premio del Bahrain: Qualifiche

Articolo precedente

LIVE Formula 1, Gran Premio del Bahrain: Qualifiche

Articolo successivo

Hamilton: "Con un altro giro sarei riuscito a fare meglio"

Hamilton: "Con un altro giro sarei riuscito a fare meglio"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Bahrain
Sotto-evento Qualifiche
Team Red Bull Racing , Mercedes
Autore Franco Nugnes