Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
PL1 in
24 giorni
07 mag
-
10 mag
FP1 in
73 giorni
21 mag
-
24 mag
FP1 in
86 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
108 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
129 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
143 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
157 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
185 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
192 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
206 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
212 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
240 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
247 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
261 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
275 giorni

Hembery: "Lo stress sulle gomme qui è basso"

condividi
commenti
Hembery: "Lo stress sulle gomme qui è basso"
Di:
19 giu 2015, 18:10

La Pirelli considera che ci sia un gap di circa sette decimi tra le due mescole portate al Red Bull Ring

Sebastian Vettel, Ferrari firma autografi per i tifosi
Sebastian Vettel, Ferrari SF15-T
Sebastian Vettel, Ferrari SF15-T
Kimi Raikkonen, Ferrari SF15-T
Esteban Gutierrez, Ferrari Tester e Terzo Pilota con Kimi Raikkonen, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari SF15-T

Sebastian Vettel, Ferrari, ha segnato il miglior tempo nelle prove libere di oggi, con gli pneumatici P Zero Red supersoft. Nonostante un cielo minaccioso, entrambe le sessioni di prove libere di oggi sono state asciutte. La FP2, disputata nello stesso orario delle qualifiche e della gara, è iniziata con 22 gradi di asfalto per finire con 25°.

Il rapido warm-up della supersoft ha consentito ai piloti di sfruttare sin da subito le performance massime della mescola, anche se le condizioni sono rimaste abbastanza scivolose soprattutto durante la prima sessione di prove, durante la quale è stata utilizzata unicamente la soft.

Kimi Raikkonen è stato il primo a montare le supersoft questo pomeriggio, a 30 minuti dall’inizio della sessione. Molti altri piloti sono poi passati alla gomma più morbida per le simulazioni di qualifica e di gara. Al momento, il gap registrato tra le due mescole è di 0"7 secondi.

I livelli di degrado e di usura degli pneumatici sono stati bassi durante entrambe le sessioni, e si attende che diminuiscano ancora nel corso del weekend man mano che la pista si andrà gommando.

Il rischio pioggia non è però passato, soprattutto in vista delle qualifiche di domani. Una qualifica bagnata influenzerebbe, ovviamente, le strategie di gara; considerando anche il fatto che gli unici dati aggiornati del circuito risalgono allo scorso anno, quando il Gran Premio d’Austria rientrò in calendario.

I team hanno, quindi, dovuto massimizzare i giri sull’asciutto, per poter essere preparati a qualsiasi eventualità domani.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli: "Abbiamo visto che lo stress sulle gomme è abbastanza basso qui e che il gap tra le due mescole è di 0"7. Ad ogni modo, il fattore più importante da considerare resta il meteo: è prevista pioggia nei prossimi giorni, soprattutto domani. Questo influenzerà ovviamente le strategie. Tutto sembra dirci che vivremo un weekend imprevedibile".

Articolo successivo
Mercedes: sfoghi più stretti e deviatori di flusso arcuati

Articolo precedente

Mercedes: sfoghi più stretti e deviatori di flusso arcuati

Articolo successivo

Rosberg: "Le Rosse sono vicine, ma non le temo"

Rosberg: "Le Rosse sono vicine, ma non le temo"
Carica i commenti