Ad Austin si lavora ancora per salvare il Gp 2012

Ad Austin si lavora ancora per salvare il Gp 2012

Il circuito è pronto a pagare le tasse dovute ad Ecclestone, ma ha chiesto delle modifiche al contratto

La giornata di ieri ha aggiunto un nuovo capitolo alla vicenda legata al Gp degli Stati Uniti di Formula 1. I proprietari del Circuit of the Americas hanno divulgato un nuovo comunicato stampa, spiegando che stanno facendo il possibile per salvare l'edizione 2012 della gara di Austin. Bobby Epstein, grande boss dell'impianto texano, ha detto che la società si impegnerà a fornire le garanzie per i pagamenti delle tasse di iscrizione al Mondiale entro il Consiglio Mondiale del 7 dicembre. Tuttavia, non ha intenzione di accettare in toto il contratto che era stato firmato con la Full Throttle Production, quindi vuole ridiscuterne alcuni termini. "Siamo pronti per inviare a Bernie Ecclestone le garanzie relative al pagamento delle tasse di iscrizione. Non lo abbiamo ancora fatto perché il contratto che ci è stato presentato solo due settimane fa conteneva richieste irrealistiche ed impraticabili. Abbiamo firmato e rispedito un contratto simile, ma con alcune modifiche" spiega il comunicato. "Questa gara può ancora diventare realtà, ma per farlo nel 2012 dobbiamo ricevere il contratto controfirmato entro i prossimi giorni. Speriamo che i team, i tifosi e gli sponsor stiano condividendo il nostro entusiasmo affinchè il progetto vada in porto" ha aggiunto.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie