Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Gara in
11 Ore
:
19 Minuti
:
36 Secondi

Austin, c'è anche chi gradisce i bump: "Ti tengono sveglio!"

condividi
commenti
Austin, c'è anche chi gradisce i bump: "Ti tengono sveglio!"
Di:
2 nov 2019, 12:19

Dopo le varie critiche da parte di Hamilton, Verstappen ed altri, le sconnessioni del COTA sono invece viste anche di buon occhio da alcuni piloti come Ricciardo, Hülkenberg e Grosjean.

Le sconnessioni di Austin alla maggior parte dei piloti di Formula 1 non sono affatto piaciute, ma c'è anche chi si è schierato a favore di questa novità che presenta il Gran Premio degli Stati Uniti.

Nel venerdì di prove libere a stelle e strisce è stato immediatamente evidente quanto le monoposto saltassero e si scomponessero per via delle buche e degli avvallamenti che il Circuit Of The Americas oggi ha per via del movimento della terra sotto la striscia d'asfalto.

Se per diversi concorrenti la cosa ha creato mal di testa (Lewis Hamilton), grattacapi a livello di guida e dolori vari, per qualcuno invece è un pizzico di pepe in più che esalterà la bravura di ogni pilota, come ad esempio ha dichiarato Daniel Ricciardo.

“Ti dirò, preferisco una pista del genere piuttosto che qualcosa di perfetto - ha rivelato il pilota della Renault - Sembra di correre in un videogioco! Alcune curve non sono il massimo, ma regalano più carattere e particolarità alla pista, tenendoti sveglio. E' sicuramente una sfida tosta e unica, ma sono contento di affrontarla".

"Sappiamo che all'uscita dalla corsia box c'è un brutto avvallamento, ma meglio così perché devi essere preparato ad ogni cosa, mentre su un fondo liscio è tutto uguale e non succede nulla. Mi vengono in mente i circuiti moderni, sono troppo perfetti per me, mentre qualche cosa come questi bump rendono tutto più avvincente. Penso si riesca a guidare e non vedo grossi problemi, non ho notato macchine andare in pezzi per questo".

D'accordo anche il suo compagno di squadra Nico Hülkenberg, a suo agio lungo i saliscendi americani.

"Non è un fattore doloroso, semmai è dinamico perché ti muovi moltissimo sul sedile. Mi piace, è una caratteristica in più e un sapore diverso per questo circuito. Ci sono tanti tracciati lisci e un paio sconnessi. E' diverso, non sono i soliti bump perché qui la terra si è mossa e quindi è molto particolare".

"Non credo sia pericoloso, anche se in fondo al rettilineo se vai fuori traiettoria a tutta velocità il rischio di andare dritti c'è. Mi ricordo qualche anno fa che se perdevi il controllo della macchina non potevi farci nulla, a me è capitato. Non credo accadrà fin dal primo giro, spero vada tutto bene!"

Anche Romain Grosjean è rimasto particolarmente colpito dalla novità trovata ad Austin, seppur con la sua Haas ne abbia pagato carissimo il prezzo perdendo il controllo nel primo settore e finendo rovinosamente a muro durante le Libere 2.

"E' vero, ho sbattuto piuttosto violentemente e ho accusato un po' di dolore al fondoschiena nel dislivello della curva 1, ma credo che tutti questi bump siano anche belli e diano una caratteristica in più al circuito", ha detto lo svizzero.

Oltre ad Hamilton - che ha definito "inaccettabile" la situazione - altri che invece non hanno per nulla gradito i bump sono Max Verstappen e Sergio Pérez: "Con tutti questi movimenti in macchina c'è il rischio di farsi male e di perdere il controllo andando a sbattere", sono state le loro parole.

Informazioni aggiuntive di Scott Mitchell

Scorrimento
Lista

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
1/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP19

Sergio Perez, Racing Point RP19
2/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
3/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Robert Kubica, Williams FW42

Robert Kubica, Williams FW42
4/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
5/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
6/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
7/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
8/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
9/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lando Norris, McLaren MCL34

Lando Norris, McLaren MCL34
10/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP19

Lance Stroll, Racing Point RP19
11/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP19

Lance Stroll, Racing Point RP19
12/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
13/15

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38

Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C38
14/15

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing FW42

George Russell, Williams Racing FW42
15/15

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Articolo successivo
Mercedes: sopra alla brake duct c'è una presa che fa discutere

Articolo precedente

Mercedes: sopra alla brake duct c'è una presa che fa discutere

Articolo successivo

Gomme 2020: piloti delusi, ma test utile a capire le novità

Gomme 2020: piloti delusi, ma test utile a capire le novità
Carica i commenti