F1 | Aston Martin: differenze significative per l'auto del 2023

Il direttore tecnico della Aston Martin, Dan Fallows, ha dichiarato che la AMR23 del prossimo anno presenterà differenze significative rispetto alla vettura che ha corso nella stagione 2022.

F1 | Aston Martin: differenze significative per l'auto del 2023

La nuova monoposto dell’Aston Martin sarà la prima ad essere sviluppata sotto la guida di Fallows, ex uomo Red Bull che ha iniziato a lavorare con il team con sede a Silverstone in aprile, e dal responsabile dell'aerodinamica Eric Blandin, che in precedenza era alla Mercedes.

L'AMR22 di quest'anno è stata sviluppata in modo sostanziale nel corso della stagione, ma Fallows ha evidenziato come la vettura del prossimo anno rappresenterà un ulteriore passo avanti.

Quando gli è stato chiesto se il design della monoposto sarà radicalmente diverso, Fallow ha risposto: "C'è un limite a quello che possiamo fare con le regole attuali, tuttavia sono consapevole che le nuove auto devono sempre superare il test dei miei figli. Se le metto davanti ai miei figli e loro dicono che sembrano diverse, allora sembrano diverse”.

"Loro dicono sempre ‘sono tutte uguali, papà!’, ma nell'ambito delle regole che abbiamo posso dire che ci saranno differenze significative sulla AMR23".

Le modifiche al fondo introdotte dalla FIA per combattere il porpoising hanno obbligato tutti i team ad apportare modifiche maggiori di quelle che avrebbero pianificato.

"Le nuove norme sul fondo non rappresentano un cambiamento enorme in realtà", ha detto Fallows. "Ma hanno avuto un impatto ragionevole in termini di deportanza che le vetture sono in grado di produrre. Quindi abbiamo dovuto cercare di colmare questo deficit, così come faranno tutti gli altri”.

Sebastian Vettel, Aston Martin e Lance Stroll, Aston Martin, con il team

Sebastian Vettel, Aston Martin e Lance Stroll, Aston Martin, con il team

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

"Credo sia difficile dire se alcuni team saranno più colpiti rispetto ad altri, ma certamente per noi si è trattato di una perdita di deportanza ragionevolmente significativa”.

"Ovviamente speriamo di ottenere ciò che vuole anche la FIA, ovvero che questa misura riduca le oscillazioni aerodinamiche di cui tutti ovviamente vogliamo liberarci".

Fallows ha riconosciuto che l'impennata di prestazioni della Aston nell'ultima parte dell'anno, che l'ha vista balzare dal nono al settimo posto nella classifica Costruttori, ha fatto capire come la squadra sia andata nella giusta direzione con lo sviluppo.

"È stato un fattore importante per creare fiducia per il prossimo anno", ha detto. "Abbiamo iniziato l'anno con una vettura che non era al punto giusto e abbiamo dimostrato che lo sviluppo,i principi di progettazione che abbiamo adottato e le filosofie che stiamo adottando stanno dando i loro frutti”.

"Per il prossimo anno cercheremo di adottare una strategia di sviluppo molto aggressiva, facendo tesoro degli insegnamenti di quest'anno".

Fallows ha dichiarato di essere rimasto impressionato da ciò che ha trovato in Aston Martin dopo gli anni trascorsi alla RBR.

"Sono rimasto entusiasta del livello delle conversazioni tecniche che ho avuto da quando sono arrivato qui. Penso che questa squadra sia cresciuta da una dimensione relativamente piccola fino a raggiungere le dimensioni che abbiamo raggiunto e che vogliamo raggiungere in termini di funzionamento e sviluppo della vettura”.

"Si tratta di un viaggio, quindi quello che ho visto può davvero aggiungere valore e Eric Blandin può aggiungere quella sorta di chiarezza di intenti e di direzione. Credo che questo sia l'elemento su cui stiamo lavorando”.

"Ho visto un gruppo di persone estremamente appassionate e di grande talento. Alcuni di loro sono qui da molto tempo e hanno una grande esperienza. La cosa principale per noi è assicurarci di attingere a quell'esperienza e a quella passione senza distruggerle mentre cerchiamo di crescere e di trasformarci in una squadra vincente".

Leggi anche:
condividi
commenti

F1 | Mercedes: occhio al motore di Brixworth l'anno prossimo!

Video | Piola: "Ferrari F1-75: ecco perché non ha vinto"