Alpine: i motori Renault costruiti e assemblati da Mecachrome

Il marchio francese ha siglato un accordo quadriennale per la costruzione e l'assemblaggio dei 6 cilindri Renault da parte della Mecachrome, lo storico partner della Casa transalpina.

Alpine: i motori Renault costruiti e assemblati da Mecachrome

La realizzazione e il montaggio delle power unit Renault che forniranno il team Alpine Racing in F1 saranno assicurati dalla Mecachrome, lo storico gruppo francese specializzato nella meccanica di precisione.

Christian Cornille, CEO di Mecachrome, ha siglato un accordo quadriennale con Alpine Racing per la produzione delle principali componenti e l'assemblaggio dei motori V6 turbo che saranno montati sull’Alpine A521 di F1.

La Mecachrome SAS collabora con la Renault dal 1979 e nel 1998 è stata la fornitrice ufficiale di motori per Williams e Benetton in luogo del Costruttore transalpino. La cooperazione dell'azienda di Amboise in Formula 1 è durata fino al 2008, ma poi è rimasta attiva con la fornitura del motore di Formula 2.

Il contratto con Alpine prevede la fabbricazione di testate, basamenti dei cilindri e della distribuzione, nonché l’assemblaggio dei motori destinati alla stagione 2021 di F1.

"Siamo orgogliosi della rinnovata fiducia dimostrata da Alpine Racing. Grazie a nuovi investimenti a sostegno di questo sviluppo, Mecachrome sarà pienamente coinvolta nel progetto di F1 e speriamo di contribuire al suo successo", ha dichiarato Christian Cornille.

"Lavorare con un partner storico come Mecachrome – ha detto Laurent Rossi, CEO di Alpine - è una risorsa grazie alla quale vogliamo tornare al più alto livello in F1. La continuità è un punto di forza in questo sport ultra competitivo ma che è anche in costante evoluzione. Abbiamo vissuto insieme molte storie di successo e ne vivremo altre".

condividi
commenti
Red Bull: ecco le prime immagini della RB16B
Articolo precedente

Red Bull: ecco le prime immagini della RB16B

Articolo successivo

Red Bull RB16B: alla ricerca dell'effetto Coanda

Red Bull RB16B: alla ricerca dell'effetto Coanda
Carica i commenti