Alfa Romeo: si chiamerà C41 la monoposto 2021

Come la Ferrari, anche la monoposto di Hinwil salta un numero nella sigla di progetto e così la F1 che dovrebbe essere presentata il 22 febbraio a Varsavia diventa la C41, mentre la macchina a effetto suolo del 2022 rappresenterà il progetto C40. A Hinwil spendono i due gettoni nel muso stretto e contano sulla crescita di potenza del nuovo motore Ferrari.

Alfa Romeo: si chiamerà C41 la monoposto 2021

Ieri abbiamo anticipato che l’Alfa Romeo presenterà la monoposto 2021 da Varsavia il 22 febbraio. Prima di Natale la squadra di Hinwil ha rinnovato l’accordo con la Orlen che ha ottenuto che il lancio della nuova macchina venga fatto dalla capitale polacca nell’ultima settimana del mese prossimo.

La PKN Orlen è l'azienda petrolifera nazionale nata nel 1999 a Plock e sarà così confermata come main sponsor del team Alfa Romeo Racing nel campionato di Formula 1, assicurando l’appoggio a Robert Kubica come terzo pilota e simulator driver.

Il marchio del “Biscione”, al momento, sarà il primo team del Circus a mostrare la sua monoposto nel 2021: la C41, questa sarà la sigla della vettura elvetica spinta dal nuovo motore Ferrari, salta una numerazione nella cronologia delle sigle perché la C40, di fatto sarà la monoposto a effetto suolo che vedrà la luce nel 2022 ma che era stata lanciata come progetto nel 2021, prima che per la pandemia del virus, il nuovo regolamento venisse posticipato di un anno.

La C41 è una monoposto destinata a cambiare molto nell’aspetto rispetto alla C39 non solo per le modifiche aerodinamiche al fondo, al diffusore e alle brake duct posteriori per ridurre il carico del 10%, ma anche perché la vettura curata dal dt, Jan Monchaux, si convertirà al credo del muso stretto, secondo la moda introdotta da Mercedes e poi ripresa da altri, in particolare Renault, McLaren e Racing Point.

Il nuovo muso sul quale il chief designer, Luca Furbatto, spende i due gettoni di sviluppo, richiede il superamento del crash test frontale per ottenere l’omologazione FIA, nella convinzione che sia la giusta strada dello sviluppo, mentre la Haas, altro team cliente del Cavallino, seguirà l’orientamento aerodinamico della Ferrari, orientato all’evoluzione del retrotreno con la nuova scatola del cambio che permetterà una diversa sospensione per sfruttare meglio le gomme 2021 che avranno una costruzione più rigida e un diverso disegno nel profilo anteriore.

L’Alfa Romeo vuole di sfruttare l’esperienza di Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi, una coppia di piloti ormai ben collaudata dopo due stagioni insieme, per guardare al mondiale 2021 con obiettivi più ambiziosi dell’ottavo posto nel mondiale Costruttori colto nel 2020.

condividi
commenti
Mugello: vinta la battaglia sul rumore dell'autodromo!
Articolo precedente

Mugello: vinta la battaglia sul rumore dell'autodromo!

Articolo successivo

AlphaTauri: gli aerodinamici "separati" in casa a Bicester

AlphaTauri: gli aerodinamici "separati" in casa a Bicester
Carica i commenti