Alfa Romeo: Giovinazzi paga le strategie pro Raikkonen

condividi
commenti
Alfa Romeo: Giovinazzi paga le strategie pro Raikkonen
Di:
14 ott 2019, 08:52

La squadra di Hinwil costruisce le strategie con un solo obiettivo: portare Raikkonen davanti al pilota italiano, anche se il pugliese è regolarmente più veloce del pilota finlandese. Quanti punti iridati è costata alla squadra questa politica scellerata?

Il sedicesimo posto finale non rende merito al weekend disputato da Antonio Giovinazzi. Il pilota dell’Alfa Romeo, alla sua prima esperienza sul circuito di Suzuka, venerdì mattina era ansioso di scendere in pista per familiarizzare con una pista tra le più tecniche del Mondiale, ma un problema idraulico lo ha costretto ad assistere alla sessione dai box: zero giri cronometrati.

Giovinazzi ha così affrontato le qualifiche potendo contare sui soli trenta giri percorsi nella FP2, non certo l’ideale per un rookie, ma ha piazzato la zampata riuscendo a classificarsi davanti a Kimi Raikkonen, come è accaduto nelle ultime tre tappe del Mondiale.

Al via della corsa Antonio ha mantenuto la dodicesima posizione, arrancando con una monoposto che è sempre più lontano dalla forma tecnica con cui aveva iniziato la stagione, ma sempre davanti al titolato compagno di squadra.

Già in occasione del primo pit-stop il team lo ha richiamato ai box tre giri dopo Raikkonen, a cui però non è riuscito l’undercut, ma nella seconda metà della corsa la squadra ha deciso di differenziare le strategie, richiamando Kimi ai box al giro 36 per passare dalle hard alle soft, e lasciando in pista Giovinazzi con le gomme dure puntando ad una sola sosta.

Raikkonen con le soft ha subito migliorato i tempi sul giro, mentre Giovinazzi ha proseguito con la gomma che è progressivamente calata arrivando a tempi sul giro tre secondi più lenti di quelli di Kimi.

Scorrimento
Lista

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
1/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, firma autografi ai tifosi

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing, firma autografi ai tifosi
2/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
3/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
4/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
5/8

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing
6/8

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
7/8

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38

Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38
8/8

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

La squadra ha però deciso di lasciare Antonio in pista, richiamandolo ai box solo a tre giri dal termine, dopo aver subito il soprasso da parte di Raikkonen.

“Avevamo altre ambizioni”, ha commentato Giovinazzi a fine gara, evitando di entrare nelle scelte strategiche del team. È vero che la zona punti non è di fatto mai stata alla portata, considerando la performance confermata dell’Alfa Romeo durante tutto il weekend, ma la piccola soddisfazione di concludere la prima esperienza a Suzuka davanti a Raikkonen per Giovinazzi sarebbe stato comunque un premio ad un fine settimana tutto in salita. Ma ancora una volta la strategia non ha funzionato a suo favore...

Articolo successivo
Fotogallery F1: Mercedes sei volte iridata nel GP del Giappone

Articolo precedente

Fotogallery F1: Mercedes sei volte iridata nel GP del Giappone

Articolo successivo

Investigazione Leclerc: Masi spiega perché è stata riaperta

Investigazione Leclerc: Masi spiega perché è stata riaperta
Carica i commenti