Alesi su Ferrari 312 B3 toccato nel GP Historique mentre era in testa!

Al volante della Ferrari 312 B3 di Niki Lauda, Jean ha dato spettacolo nel Monaco GP Historique: partito secondo al via della gara, è scattato subito al comando davanti alla Lotus 77 di Werner. Il tedesco lo ha toccato all'uscita della Noghes e la Rossa è finita contro le protezioni a tre giri dalla fine. Marco è stato penalizzato e retrocesso al terzo posto dopo che i due hanno dato spettacolo.

Alesi su Ferrari 312 B3 toccato nel GP Historique mentre era in testa!

Ha fatto un certo effetto vedere Jean Alesi sulla Ferrari 312 B3 di Niki Lauda del 1974 in prima fila al Monaco Gran Pix Historique. Il francese ha fatto palpitare i cuori dei tifosi del Cavallino perché al via è andato subito al comando della gara, conducendo davanti alla Lotus 77 del 1976 guidata dal tedesco Marco Werner.

Il vincitore del GP del Canada del 1995 ha dovuto fare ricorso a tutta la sua esperienza per tenere a bada lo scatenato tedesco vittorioso in tre 24 Ore di Le Mans con l’Audi: il ferrarista allungava grazie al 12 cilindri piatto del Cavallino, mentre Werner si faceva sotto nei tratti più guidati in un elastico davvero appassionante che si è protratto per 15 dei 18 giri previsti.

All’uscita della Noghes, mentre la Lotus era ormai in scia della Ferrari c’è stato un contatto causato da Werner che ha spinto nel retrotreno la Rossa. Alesi si è trovato all’improvviso contro le barriere rovinando l’ala anteriore e quella posteriore. Il transalpino è uscito dalla vettura incolume, ma visibilmente adirato per il danno subito.

La Lotus 77 di Werner ha continuato imperterrita al comando con l’ala anteriore storta nel contatto ed è arrivata al traguardo per prima quando la corsa è stata interrotta dall’esposizione della bandiera rossa a causa dello schianto di una Surtees nella discesa verso il Mirabeau.

Quando il tedesco stava assaporando di salire sul podio gli è stata comunicata la giusta penalizzazione che lo ha fatto scivolare al terzo posto dietro a Michael Lyons in gara con una McLaren M26, già vincitore in mattinata della gara riservata alle F1 1966-72 con una Surtees - e al pilota della Porsche nel GT, Julien Andlauer alle prese con una March 761. Werner non è salito sul podio per protesta, mentre Lyons gli ha lasciato la coppa del vincitore sull'ala della Lotus riconoscendo il tedesco come il vincitore morale della gara. Un gesto molto applaudito dal pubblico presente.

Alesi ha dato spettacolo con la 312 B3, la monoposto più datata sulla griglia, mentre Werner si è mostrato più volte minaccioso nel confronto del transalpino, specie al tornante del Loews dove ha spesso infilato il muso nel cambio della Ferrari.

Jean che ha 56 anni in carriera aveva colto tre podi nel GP di Monaco prima di tornare al volante di una Rossa per la gara storica. In griglia doveva esserci anche un altro ex pilota Ferrari, Rene Arnoux, ma il francese non si è potuto schierare al via per un incidente in prova.

La Ferrari 312 B3 ha mancato di poco i titoli mondiali piloti e Costruttori nel 1974 con Clay Regazzoni e Niki Lauda, mentre la Lotus 77 ha ottenuto un solo successo nel GP del Giappone del 1976 con Mario Andretti.

condividi
commenti
Vent'anni senza Michele Alboreto

Articolo precedente

Vent'anni senza Michele Alboreto

Articolo successivo

Mercedes blocca Hodgkinson fino a fine 2022?

Mercedes blocca Hodgkinson fino a fine 2022?
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Location Montecarlo
Piloti Jean Alesi
Team Ferrari Races
Autore Franco Nugnes