F1 2022: cade l'obbligo di partire con la gomma della Q2

La FIA e le squadre hanno discusso la scorsa settimana l'idea di cambiare la regola che obbliga i primi dieci in qualifica a montare al via il set di gomme utilizzate per ottenere il miglior tempo in Q2. La norma doveva servire a diversificare le strategie, ma alla fine ha premiato sempre le squadre top. Prima di approvare il provvedimento si aspetterà la Sprint Qualifying di Silverstone dove questo cambiamento sarà già sperimentato.

F1 2022: cade l'obbligo di partire con la gomma della Q2

La stagione 2022 di Formula 1 vedrà l’inizio di un nuovo ciclo tecnico, ma in questi giorni sono in corso discussioni anche su alcune novità che si vorrebbero introdurre la prossima stagione.

La scorsa settimana c’è stato un confronto tra la FIA ed i rappresentanti delle squadre in merito alla gestione degli pneumatici in gara, ovvero sulla regola attualmente in vigore che obbliga i primi dieci classificati in qualifica a montare al via il set di gomme utilizzate per ottenere il miglior tempo nella sessione Q2.

Nella bozza di regolamento 2022 questo vincolo è stato eliminato, e la novità non è ovviamente passata inosservata all’attenzione di alcuni addetti ai lavori.

L’obiettivo della proposta è quello di eliminare una regola nata per diversificare le strategie di gara ma che in realtà si è rivelato un vantaggio a favore dei top-team, che grazie ad una miglior performance possono permettersi di passare il taglio della sessione di qualifica Q2 con mescole meno tenere garantendosi un vantaggio al via della gara.

C’è però chi non la vede allo stesso modo, e ha portato ad esempio la griglia di partenza dello scorso Gran Premio d’Austria, gara in cui nelle prime dieci posizioni dello schieramento ci sono stati quattro piloti scattati con le soft e sei con le medie.
“Sulla carta è in effetti una variante – ha commentato un addetto ai lavori – ma a ben vedere quando nella top-10 di uno schieramento vediamo vetture con mescole differenti siamo certe che le gomme giuste sono quelle montate dai top-team”.

Se la regola in vigore oggi sarà rimossa, sarà probabile che tutte le monoposto nella prima metà della griglia prenderanno il via con le stesse mescole, ma non è una regola assoluta. C’è anche la possibilità che una squadra possa scegliere una mescola hard al posto della media, puntando ad un primo stint di gara più lungo, o viceversa.

Il prossimo weekend a Silverstone ci sarà la possibilità di valutare questo scenario, poiché la presenza della Sprint Qualifying nel weekend eliminerà la regola di partire con le gomme utilizzate nella Q2. In quest’ottica le discussioni sono state rimandate al dopo-Silverstone, quando ci sarà la possibilità con i riscontri che emergano dalla pista.

condividi
commenti
Ricciardo: "Non voglio che la F1 diventi insopportabile per me"
Articolo precedente

Ricciardo: "Non voglio che la F1 diventi insopportabile per me"

Articolo successivo

F1 Stories: Il lato "british" della Formula 1

F1 Stories: Il lato "british" della Formula 1
Carica i commenti