Formula 1
25 set
FP1 in
07 Ore
:
33 Minuti
:
34 Secondi
G
GP dell'Eifel
09 ott
Prossimo evento tra
13 giorni
G
GP del Portogallo
23 ott
Prossimo evento tra
27 giorni
G
GP di Turchia
13 nov
Prossimo evento tra
48 giorni
04 dic
Prossimo evento tra
69 giorni
G
GP di Abu Dhabi
11 dic
FP1 in
77 giorni

F1 2021: la FIA vorrebbere vietare la mappa da qualifica!

condividi
commenti
F1 2021: la FIA vorrebbere vietare la mappa da qualifica!
Di:

Con una lettera inviata, la FIA sta sondando il parere delle squadre per un cambiamento regolamentare da attuare nel 2021: vietare la mappatura da qualifica, costringendo i piloti a partire nel GP con la stessa configurazione di motore con cui si sono qualificati, facendo rientare questa norma sotto quella che regola il parco chiuso. L'idea è di colpire la netta superiorità della Mercedes nel giro secco: ma è sportivamente giusto?

La FIA vuole vietare nel 2021 la modalità da qualifica dei motori. E' stata spedita ieri una lettera alle squadre per spiegare alcune novità che vorrebbe introdurre nel prossimo mondiale che si disputerà in una situazione di stabilità regolamentare.

L’intenzione della FIA è quella di colpire la Mercedes che riesce ad esprimere nel giro secco della Q3 un incremento di potenza tale da permettere alle frecce nere di segnare un solco di un secondo dalla migliore concorrenza, mentre nel passo gara il gap cala sensibilmente.

Secondo le stime delle rilevazioni fonometriche note a Motorsport.com la power unit F1 M1 EQ Performance sarebbe arrivata a 1.022 cavalli in “quali mode”, una soglia irraggiungibile per tutti gli altri Costruttori (Honda, Renault e Ferrari) che, invece, sembrano molto vicini nelle prestazioni.

La FIA, quindi, avvalendosi delle regole già esistenti per il Parco Chiuso sarebbe intenzionata a vietare le mappe elettroniche più esasperate, costringendo i piloti a partire con la stessa configurazione con la quale si sono qualificati senza poter intervenire sulle centraline.

Si vorrebbe attuare una limitazione regolamentare nel chiaro intento di bloccare la indiscutibile superiorità delle Mercedes W11, nella speranza di rendere il mondiale meno prevedibile di quanto non sia stata nell’era ibrida della F1 inaugurata nel 2014.

F1: Racing Point conferma l'appello contro la penalità ricevuta

Articolo precedente

F1: Racing Point conferma l'appello contro la penalità ricevuta

Articolo successivo

Shovlin: "Mercedes a rischio a Barcellona e Spa"

Shovlin: "Mercedes a rischio a Barcellona e Spa"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes