Ecco come le strategie di centro gruppo hanno pagato a Monaco
Prime

Ecco come le strategie di centro gruppo hanno pagato a Monaco

Di:
Tradotto da:
Redazione Motorsport.com

Con i sorpassi che sulle strade di Monte Carlo sono sempre rarissimi, la strategia diventa un'arma ancora più vitale nella lotta durante i GP di Formula 1. E mentre i margini tra le squadre continuano a ridursi, quello di Monaco di quest'anno ha dimostrato perché una strategia ben studiata può consentire ad un pilota di centro gruppo di diventare protagonista e battere un Campione del Mondo.

Dopo che la Ferrari SF21 di Charles Leclerc è rimasta ferma ai box per il noto guasto meccanico, la gara di Valtteri Bottas è stata rovinata da una ruota bloccata durante il suo pit-stop, così Max Verstappen ha avuto vita facile andando a vincere.

La battaglia per il comando nelle strade di Monte Carlo è diventata praticamente inesistente quando l'auto di Bottas è rimasta ferma ai box Mercedes, mentre Carlos Sainz ha ceduto strada facendo per l'usura delle gomme. In questo modo, l'olandese della Red Bull ha gestito senza patemi, con Lando Norris che ha difeso il suo terzo posto dagli assalti di Sergio Perez.

condividi
commenti

Test invernali 2022 prima a Barcellona e poi in Bahrain

Il debutto delle nuove monoposto a effetto suolo dovrebbe avvenire sul circuito de Catalunya dal 23 al 25 febbraio. Alla prima sessione collettiva ne seguirà una seconda sulla pista di Sakhir che precederà la gara di apertura del mondiale 2022, segno che non sarà l'Australia l'appuntamento del debutto stagionale. Il Bahrain, infatti, sarà seguito dall'Arabia Saudita, mentre Melbourne si dovrebbe incasellare più avanti nel calendario.

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

F1: Jeddah vuole ospitare la terza Sprint Qualifying del 2021

Il promoter del GP dell'Arabia Saudita si è detto soddisfatto della Sprint Qualifying andata in scena a Silverstone e spera che la Formula 1 possa proporre il format in occasione del GP che si disputerà a gennaio a Jeddah.

Ferrari: perché Leclerc e Sainz non si sentono favoriti in Ungheria?

I due piloti del Cavallino forse cercano di scrollarsi di dosso la pressione per il GP d'Ungheria che si disputerà su una pista da alto carico aerodinamico molto adatta alle caratteristiche della SF21. In particolare Sainz sottolinea che l'Hungariring ora ha un settore centrale che si percorre in quarta e quinta marcia: con le attuali F1 capaci di molta downforce certi tratti della pista sono diventati da media-alta velocità.

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

F1 2021: ecco gli orari TV di Sky e TV8 del GP di Ungheria

La Formula 1 2021 torna con il Gran Premio d'Ungheria, che si disputerà sul tracciato dell'Hungaroring. Ecco i palinsesti di Sky e TV8 per seguire il weekend di Budapest, ma anche le Dirette LIVE offerte da Motorsport.com.

La Mercedes non è più solo un miraggio per la Ferrari

Nel GP di Gran Bretagna la Mercedes di Hamilton ha beneficiato di un nuovo pacchetto aerodinamico che ha permesso di esaltare anche le doti del motore di Brixworth. Lewis con le gomme hard ha imposto un passo nettamente superiore a quello della Ferrari di Leclerc che, invece, con le coperture medie si era difeso in modo strepitoso. Scopriamo dove stanno ancora le differenze.

Formula 1
25 lug 2021

Ferrari SF21: il... cambio di passo nasce dal differenziale più alto

Il disegno di Giorgio Piola ci mostra le caratteristiche della nuova trasmissione Ferrari che ha permesso alla SF21 di correggere alcuni difetti endemici della SF1000. La Rossa non è in grado di lottare per il mondiale, ma è tornata finlamente in lizza per vincere un Gran Premio. Scopriamo perché la scatola del cambio rivista è stata importante per ritrovare una base di competitività.

Formula 1
25 lug 2021
F1, Mercedes: il dado (di Bottas) è finalmente tratto

Articolo precedente

F1, Mercedes: il dado (di Bottas) è finalmente tratto

Articolo successivo

Sainz punta su Norris: "Sarà lui la sorpresa a Baku"

Sainz punta su Norris: "Sarà lui la sorpresa a Baku"
Carica i commenti