Crypto.com vuole innovare il mondo della Formula 1

La società exchange di criptovalute con sede a Hong Kong diventa partner global della F1: sponsorizzerà le Sprint Qualifying a partire da Silverston e dal Belgio lancerà un nuovo premio che andrà a valorizzare l'ambizione e il coraggio di chi sarà in pista. L'accordo è pluriennale e la F1 pare abbia anticipato altre discipline che avevano puntato lo sguardo sulla società che vanta già 10 milioni di clienti.

Crypto.com vuole innovare il mondo della Formula 1

La Formula 1 ha giocato d’anticipo: un comunicato diramato martedì mattina fra le due gare in Austria ha ufficializzato l’entrata di Crypto.com fra gli sponsor della massima serie dell’automobilismo, precedendo, si dice, altri annunci in altre discipline sportive, come il calcio, visto che potrebbe diventare lo sponsor principale dell’Inter al posto di Pirelli .

Crypto.com, la società exchange di criptovalute con sede a Hong Kong, diventa un nuovo Global Partner della Formula 1 e non si limiterà a sponsorizzare le Sprint qualifying, vale a dire le gare del sabato di 100 km che prenderanno l’avvio dal GP di Gran Bretagna, ma apparirà in pista su tutti gli appuntamenti del mondiale.

Soddisfatto Stefano Domenicali, Presidente e CEO di F1:
“Siamo lieti di dare il benvenuto a Crypto.com nella famiglia della Formula 1, confermando la capacità di attrarre dei marchi globali che credono nella tecnologia e l'innovazione.”

L’accordo è pluriennale e l’idea di F1 è di coinvolgere Chrypto.com in diverse iniziative che andranno ben al di là della semplice sponsorizzazione. In occasione del GP del Belgio, infatti, verrà lanciato un nuovo premio che andrà a valorizzare l’ambizione e il coraggio mostrato in pista.

Chrypto.com è una piattaforma di criptovalute in rapida espansione che vanta già 10 milioni di utenti, dal momento che la carta Visa Crypto.com è la più popolare al mondo essendo disponibile on 30 paesi.

Kris Marszalek, co-fondatore e CEO di Crypto.com, ammette:
“Siamo estremamente orgogliosi di essere il primo sponsor di criptovalute della Formula 1. Ci uniamo ad altri marchi prestigiosi che supportano la F1 puntando sull’innovazione. Vorremmo portare qualcosa di nuovo nei GP collegando i tifosi allo sport in modi nuovi”.

condividi
commenti
Ricciardo: la freccia spuntata della McLaren

Articolo precedente

Ricciardo: la freccia spuntata della McLaren

Articolo successivo

GP di Russia: non si esclude l'alternanza tra Sochi e Igora Drive

GP di Russia: non si esclude l'alternanza tra Sochi e Igora Drive
Carica i commenti