Cosworth apre ad una partnership con Aston Martin per il motore F.1

La Cosworth ha lasciato intendere che apprezzerebbe la possibilità di lavorare insieme all'Aston Martin alla realizzazione di un motore di Formula 1 e di averne già discusso con il costruttore britannico.

La Aston Martin sta seguendo da vicino gli sviluppi sul regolamento 2021 legato ai motori di Formula 1 e sarebbe entusiasta di rientrare nel Circus come motorista, a patto però che le nuove regole riducano sensibilmente i costi.

La Red Bull ha detto che sarebbe pronta anche a montare un motore fornito dal suo nuovo title sponsor in futuro, ma la stessa Aston Martin aveva rivelato di aver già avviato delle discussioni con alcuni potenziali partner.

Broce Wood, responsabile powertrain della Cosworth, ha lasciato intendere che la sua azienda gradirebbe essere uno di quei partner.

"Vorremmo lavorare in partnership con loro" ha detto Wood a Motorsport.com. "Abbiamo lavorato con la Aston Martin per molto tempo, inoltre stiamo lavorando a stretto contatto anche con la Red Bull per la Valkyrie, quindi avrebbe una certa logica".

"La Aston Martin è stata molto chiara nel dire di voler fare qualcosa di più che dare il proprio marchio ad un altro motore".

"Inoltre, non aspirano a progettare tutto da soli, quindi sicuramente stanno accadendo alcune discussioni in tal senso".

"Aston Martin e Red Bull hanno una relazione molto forte, quindi c'è sicuramente il desiderio di fare qualcosa insieme in futuro".

Wood ha poi ribadito che è improbabile che la Cosworth possa tornare in Formula 1 in proprio, ma che una collaborazione con aziende come Aston Martin o Ilmor è sicuramente più realistica.

"La Cosworth è un'azienda indipendente, quindi il nostro obiettivo numero uno è quello di cercare di fare operazioni redditizie" ha aggiunto Wood.

"Non è come quando eravamo di proprietà della Ford ed avevamo il compito di portare la Jaguar sulla griglia di Formula 1. Tutto deve essere redditizio e certamente è più facile se si condividono i costi con qualcun altro".

"Siamo società cresciute in un clima di competizione sotto molto aspetti, ma penso che riconosciamo che unire le forze sarebbe nell'interesse di tutti, perché nessuno potrebbe fare questo passo da solo".

Con tutte le parti interessate che stanno ancora discutendo le regole in vista del 2021, Wood ha affermato che è improbabile che un motore indipendente possa essere pronto prima del 2022.

"Dovremmo assumere parecchio personale e dovremmo migliorare anche le nostre infrastrutture. Questo è già un anno molto impegnativo per noi, quindi la realtà è che il 2021 potrebbe diventare il 2022" ha spiegato Wood.

"Potrebbe non essere quello che tutti volevamo, ma è ancora meglio che non averne neanche discusso".

"Secondo noi sarebbe un investimento enorme per chiunque lo dovesse fare, quindi non è realistico ottenere tutto per il 2021".

"Ma questo non ci fa pensare che dovremmo dimenticare questa opzione: ci fa solo pensare a come potrebbe andare nel 2022".

Contattata per un commento in tal senso, l'Aston Martin ha deciso di rilasciare dichiarazioni.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Articolo di tipo Ultime notizie