Formula 1
G
GP del Portogallo
02 mag
Prove Libere 1 in
15 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
20 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
59 giorni
G
GP di Francia
27 giu
Gara in
73 giorni
04 lug
Prossimo evento tra
76 giorni
G
GP di Gran Bretagna
18 lug
Gara in
94 giorni
G
GP d'Ungheria
01 ago
Gara in
108 giorni
G
GP del Belgio
29 ago
Gara in
136 giorni
05 set
Gara in
143 giorni
12 set
Gara in
150 giorni
G
GP della Russia
26 set
Gara in
164 giorni
G
GP di Singapore
03 ott
Prossimo evento tra
167 giorni
G
GP del Giappone
10 ott
Gara in
177 giorni
G
GP degli Stati Uniti
24 ott
Race in
192 giorni
G
GP del Messico
31 ott
Gara in
199 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Gara in
241 giorni

Clamoroso Van Rossem: l'ex titolare del team Onyx chiede l'eutanasia!

Jean-Pierre Van Rossem, ex milionario e bancarottiere belga, nel 1989 è stato titolare del team Onyx che con Johansson ha conquistato il terzo posto al GP di Portogallo. Il 72enne ha chiesto che gli venga praticata l'eutanasia.

Clamoroso Van Rossem: l'ex titolare del team Onyx chiede l'eutanasia!

Chi seguiva le vicende della Formula 1 alla fine degli anni ’80 lo ricorderà senza alcun dubbio. Capelli bianchi portati molto lunghi, sovrappeso, e con un piglio di chi nella vita ha navigato anche in acque difficili, con un’alternanza di grandi successi e tonfi imprevisti.

Parliamo del belga Jean-Pierre Van Rossem, entusiasta proprietario del team Onyx che portò nel 1989 all’esordio in Formula 1. Ha colpito la notizia, resa pubblica in Belgio negli ultimi giorni, relativa alla richiesta di eutanasia presentata dal settantaduenne ex mago della finanza.

Stefan Johansson, Onyx
Stefan Johansson, Onyx nel 1989

Photo by: LAT Images

In una recente intervista pubblicata su Youtube, l'ex milionario ha dichiarato senza mezzi termini che è giunto il momento di porre fine alla sua esistenza.

“Ho avuto una vita molto tumultuosa, ma ora è abbastanza – ha spiegato - sono in declino e voglio decidere per conto mio il momento di dire basta. E spero che sia prima della fine dell’anno. Ho avuto belle donne, automobili e tante proprietà. A un certo punto il mio patrimonio era stimato in 891 milioni di dollari, e ho perso tutto”.

Ad un adolescenza da hippie aveva fatto seguito una laurea in economia e l’invenzione (parole sue) di un sistema computerizzato chiamato Moneytron, che secondo Van Rossem era in grado di elaborare in anticipo i movimenti del mercato azionario.

Anni dopo l’autorità giudiziaria accertò che in realtà il segreto di Van Rossem era nient’altro che un grande sistema “ponzi”, e il finanziere fu condannato ed incarcerato.

Prima dell’epilogo dell’era Moneytron, Van Rossem si era concesso diversi lussi, tra cui quello di essere l’azionista di maggioranza di un team di Formula 1, che nel 1989 riuscì anche a piazzare sul podio dell’Estoril, Stefan Johansson. La terza piazza dello svedese contribuì a raggiungere il decimo posto finale nella classifica costruttori, su ventuno team presenti al via.

Ma durante la pausa invernale, Van Rossem contribuì a creare una situazione di tensione con Bernie Ecclestone e l’allora presidente della FIA Jean-Marie Balestre. Il vulcanico finanziere minacciò di abbandonare la squadra qualora non fosse riuscito a disporre di una fornitura di motori Honda o Porsche per la successiva edizione del Mondiale.

Nessuno fece un passo indietro, e Van Rossem cedette la sua quota del team al gruppo giapponese Middlebridge che gestì la squadra senza grande fortuna portandola alla chiusura nel giro di pochi mesi, compreso un ulteriore passaggio di proprietà all’imprenditore svizzero Peter Monteverdi.

condividi
commenti
Video Mercedes: ecco il primo fire up del motore della W08 Hybrid!

Articolo precedente

Video Mercedes: ecco il primo fire up del motore della W08 Hybrid!

Articolo successivo

Formula 1 2017: ecco perché i piloti saranno presi per il... collo!

Formula 1 2017: ecco perché i piloti saranno presi per il... collo!
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Stefan Johansson
Team Onyx
Autore Roberto Chinchero