Calendario F1: ci sono Portimao e Imola dopo il Bahrain?

Il rinvio del GP d'Australia e i dubbi sulla Cina spingono Liberty Media a studiare un calendario alternativo a quello che era stato ufficializzato a dicembre con 23 appuntamenti: dando per scontato che l'apertura si svolga in Bahrain, le due gare successive potrebbero proporre Portimao (11 aprile) e Imola (25 aprile), dando consistenza a una stagione che sarà per lo più europea nei primi mesi dell'anno.

Calendario F1: ci sono Portimao e Imola dopo il Bahrain?

Lo scorso dicembre FIA e Liberty Media hanno comunicato il calendario di Formula 1 per la stagione 2021, che include 23 gare. È sembrato un atto di fiducia e speranza nei confronti di una situazione complessiva molto difficile, ma in realtà era un atto dovuto.

Le ventitré gare confermano i contratti stipulati dalla Formula 1 con i circuiti che pagano per ospitare il proprio Gran Premio, e le date riportate sono quelle concordate nell’accordo. Ma è realisticamente molto difficile ipotizzare che il calendario comunicato sarà l’effettivo percorso della Formula 1 nel 2021, considerando la situazione Covid nel contesto mondiale.

Al momento non è ancora giunta alcuna comunicazione ufficiale, ma è ormai chiaro che la prova d’apertura del Mondiale 2021 programmata in Australia sarà posticipata, e che la stagione scatterà in Bahrain. Ma c’è di più.

Dopo il forfait del Gran Premio del Vietnam, secondo informazioni raccolte da Motorsport.com anche la trasferta di Shanghai è fortemente a rischio e sarebbe già scattato un piano ‘B’ per il mese di aprile, che senza il Gran Premio cinese sarebbe a secco di eventi.

I rumors parlano di una candidatura di Portimao (11 aprile) e Imola (25 aprile), una proposta molto credibile considerando i riscontri positivi che hanno ottenuto le gare svolte su queste piste nel 2020. E non saranno le uniche novità rispetto al calendario presentato a dicembre, visto che c’è chi prevede che sarà confermata una nuova versione nelle prossime settimane, rivista soprattutto nella sua prima metà a seconda delle indicazioni che arriveranno dalle nazioni ospitanti.

L’unico punto fermo (a parte il Bahrain) al momento è l’Europa, ed esattamente come dodici mesi fa la Formula 1 potrebbe concentrare la sua prima metà di stagione nel vecchio continente in attesa di valutare come si evolverà la situazione Covid nel mondo a partire dall’estate.

Un approccio che conferma quanto deciso per il Gran Premio d’Australia, che a breve dovrebbe comunicare il posticipo della gara in autunno, nella speranza che la situazione generale relativa al Covid possa confermarsi migliore consentendo l’apertura delle frontiere.

condividi
commenti
F1: l'orario della partenza torna alle 14 nel 2021
Articolo precedente

F1: l'orario della partenza torna alle 14 nel 2021

Articolo successivo

Brivio lascia la Suzuki per diventare il CEO di Alpine F1!

Brivio lascia la Suzuki per diventare il CEO di Alpine F1!
Carica i commenti