Brown: "Non correre sarebbe devastante, ma Liberty ha un piano"

Secondo Zak Brown, le conseguenze economiche che i team di Formula 1 potrebbero avere non correndo nel 2020 sarebbero devastanti, pur confidando nei piani di Liberty Media sul fare gare a porte chiuse.

Brown: "Non correre sarebbe devastante, ma Liberty ha un piano"

La pandemia di Coronavirus ha già cancellato o rinviato le prime nove gare della stagione e anche il GP di Francia, che sarebbe il 28 luglio, è in forse viste le restrizioni adottate dal paese opsitante.

La scorsa settimana, l'AD della F1, Chase Carey, ha evidenziato che si potrebbe cominciare in Austria a porte chiuse, per poi proseguire con Silverstone. Brown si augura che si torni al più presto in pista per non incorrere in problemi.

"Penso che lo sport sia sempre stata una grande medicina in tutto il mondo e anche la F1, che sia a porte chiuse o no, può aiutare in modo fantastico nella ripresa - dice l'AD della McLaren - Non correre nel 2020 avrebbe conseguenze economiche devastanti per tutti i team, così come lo sarebbe per ogni settore industriale che resterebbe chiuso per un anno. Dobbiamo ripensare ad altro e trovare soluzioni perché il modello attuale non va bene e le conseguenze sarebbero severe per tutti, F1 compresa".

Leggi anche:

Brown sottolinea che il problema principale riguarda i diritti, che aggirandosi attorno ad 1 miliardo di dollari crollerebbero a zero con conseguenze pessime.

"Penso che sappiano tutti qual è lo stato di salute attuale, specialmente se parliamo della divisione di 1 miliardo di dollari. Sono un sacco di soldi su cui tutti contano e dipendono, dovesse essere ridotta drasticamente perché non si corre, necessiterebbe di trovare alternative per gli introiti".

Lo statunitense è anche a favore delle gare multiple in uno stesso circuito, anche se a porte chiuse.

"Credo che il piano condiviso da Chase con noi, che ovviamente va valutato in corso d'opera, abbia un senso. Correre senza spettatori, a breve termine è la soluzione più realistica per tornare in azione. E' da ingenui pensare di andare in Austria o a Silverstone con 100.000 persone, infatti non è previsto. E' un programma realistico, stiamo parlando coi vari governi e sono piuttosto ottimista. Per quanto riguarda il Giappone e Singapore, è come camminare sulle uova, ma ne stiamo parlando e vedremo".

Zak Brown, Executive Director, McLaren
Zak Brown, Executive Director, McLaren
1/10

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Claire Williams, Deputy Team Principal, Williams Racing, Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Zak Brown, Executive Director, McLaren, e Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team
Claire Williams, Deputy Team Principal, Williams Racing, Toto Wolff, Executive Director (Business), Mercedes AMG, Mattia Binotto, Team Principal Ferrari, Zak Brown, Executive Director, McLaren, e Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team
2/10

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Zak Brown, direttore esecutivo, McLaren con degli azionisti del Bahrain
Zak Brown, direttore esecutivo, McLaren con degli azionisti del Bahrain
3/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren, festeggia il suo 100esimo Gran Premio con Zak Brown, direttore esecutivo, McLaren e Andreas Seidl, Team Principal, McLaren
Carlos Sainz Jr., McLaren, festeggia il suo 100esimo Gran Premio con Zak Brown, direttore esecutivo, McLaren e Andreas Seidl, Team Principal, McLaren
4/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Michael Andretti, Mario Andretti, e Zak Brown, Executive Director, McLaren
Michael Andretti, Mario Andretti, e Zak Brown, Executive Director, McLaren
5/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Zak Brown, Executive Director, McLaren, e Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team
Zak Brown, Executive Director, McLaren, e Cyril Abiteboul, Managing Director, Renault F1 Team
6/10

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren, Zak Brown, Executive Director, McLaren, e il team McLaren 2019
Carlos Sainz Jr., McLaren, Zak Brown, Executive Director, McLaren, e il team McLaren 2019
7/10

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Zak Brown, Executive Director, McLaren
Zak Brown, Executive Director, McLaren
8/10

Foto di: Erik Junius

Zak Brown, Executive Director, McLaren, presenta il Moment of the Year award
Zak Brown, Executive Director, McLaren, presenta il Moment of the Year award
9/10

Foto di: Alastair Staley / Motorsport Images

Zak Brown, Executive Director, McLaren, e Tracy Brown con gli ospiti
Zak Brown, Executive Director, McLaren, e Tracy Brown con gli ospiti
10/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

condividi
commenti
Szafnauer: "In Australia si poteva correre in sicurezza"
Articolo precedente

Szafnauer: "In Australia si poteva correre in sicurezza"

Articolo successivo

Heidfeld: "In gara Vettel è stato migliore di Leclerc"

Heidfeld: "In gara Vettel è stato migliore di Leclerc"
Carica i commenti