Brawn: "Le simulazioni con le regole 2019 fanno pensare a più sorpassi"

condividi
commenti
Brawn:
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
14 nov 2018, 09:57

Il direttore sportivo di F1, Ross Brawn, ritiene che le nuove regole dovrebbero rappresentare un primo passo verso gare più combattute, con monposto che potranno stare in scia senza perdere troppo carico. L'opinione dei tecnici, invece, sembra meno convinta del risultato.

Ross Brawn, Formula One Managing Director del Motorsport
Comparazione regole F1 2018/2019
Comparazione regole F1 2018/2019
Comparazione regole F1 2018/2019

Ross Brawn, il direttore sportivo della F1, sostiene che il lavoro di simulazione svolto per valutare le modifiche tecniche che saranno apportate sulle monoposto 2019 sta mostrando effetti "tangibili" che dovrebbero migliorare lo spettacolo dei GP.

Gli interventi del prossimo anno sono preparatori alle nuove regole che entreranno in vigore nel 2021: le modifiche che vedremo riguarderanno le ali anteriori, quelle posteriori, le brake duct e i bargeboard.

La speranza è che la semplificazione aerodinamica possa permettere alle monoposto che stanno in scia di seguire quella davanti senza la perdita di carico che si registra oggi, favorendo, quindi, i sorpassi.

"Ancora una volta – ha detto Brawn - abbiamo visto in Brasile che quando il livello prestazionale di due monoposto è più o meno lo stesso, il sorpasso è quasi impossibile”. 

Leggi anche:

"Questo solleva la domanda su come sia possibile rendere più facile un attacco alla macchina davanti”.

"Nel 2018, abbiamo compiuto notevoli progressi nella definizione dei regolamenti tecnici del prossimo anno, in particolare per quanto riguarda l'area chiave che è l'ala anteriore e nelle ultime settimane abbiamo elaborato i minimi dettagli”.

"Il nostro lavoro di simulazione e quello dei team con cui abbiamo lavorato a stretto contatto ci confermano che gli effetti saranno tangibili, anche se siamo ben consapevoli che la conferma arriverà solo in marzo in occasione del Gran Premio d'Australia".

Brawn ha voluto sottolineare che i cambiamenti 2019 rappresentano solo l'inizio di un processo, anche se le aspettative di vedere migliorare lo spettacolo in pista il prossimo anno sono concrete.

"Le modifiche introdotte – ha proseguito Brawn - sono un primo passo importante, ma non necessariamente esauriente, verso la definizione dei nuovi regolamenti tecnici e sportivi che daranno vita al futuro a lungo termine della Formula 1”.

"È un assaggio di ciò che stiamo definendo per il 2021 e siamo soddisfatti di ciò che abbiamo già realizzato per il 2019, perché abbiamo grandi speranze a breve termine”.

"Quest'anno, la Formula 1 ha dato vita a gare davvero entusiasmanti, penso a Baku, Shanghai, Silverstone e Città del Messico. È facile pensare che ce ne saranno altre l’anno prossimo".

L’ottimismo di Ross Brawn si infrange sulla realtà che stanno riscontrando in galleria del vento i team: la perdita del carico aerodinamico per le nuove regole sarà compensata già all’inizio del campionato 2019.

Dall’inizio della stagione europea quando inizieranno a vedersi i primi sviluppi le squadre si aspettano delle monoposto in grado di battere nuovamente i record delle piste che già sono caduti quest’anno, mettendo in rilievo che non sarà così scontato che i sorpassi in scia saranno facilitati. Vedremo… 

 
Articolo successivo
Report Strategie: GP del Brasile, ecco le decisioni che hanno generato scontri... bollenti

Articolo precedente

Report Strategie: GP del Brasile, ecco le decisioni che hanno generato scontri... bollenti

Articolo successivo

Seidl, ex manager Porsche nel WEC, atteso al rientro in Formula 1

Seidl, ex manager Porsche nel WEC, atteso al rientro in Formula 1
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore Franco Nugnes