Formula 1
G
GP del Bahrain
28 mar
Prove Libere 1 in
28 giorni
09 mag
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP dell'Azerbaijan
06 giu
Gara in
100 giorni
G
GP del Canada
13 giu
Gara in
107 giorni
G
GP di Francia
24 giu
Prossimo evento tra
117 giorni
01 lug
Prossimo evento tra
124 giorni
G
GP di Gran Bretagna
15 lug
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP d'Ungheria
29 lug
Prossimo evento tra
152 giorni
G
GP del Belgio
26 ago
Prossimo evento tra
180 giorni
02 set
Prossimo evento tra
187 giorni
09 set
Prossimo evento tra
194 giorni
G
GP della Russia
23 set
Prossimo evento tra
208 giorni
G
GP di Singapore
30 set
Prossimo evento tra
215 giorni
G
GP del Giappone
07 ott
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP degli Stati Uniti
21 ott
Prossimo evento tra
236 giorni
G
GP del Messico
28 ott
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP dell'Arabia Saudita
03 dic
Prossimo evento tra
279 giorni
G
GP di Abu Dhabi
12 dic
Prossimo evento tra
288 giorni

Bob Bell: “La F1 sarà presto la migliore che sia mai stata”

Bob Bell ha goduto di una carriera stellare come ingegnere di punta in Formula 1 con McLaren, Benetton, Jordan, Renault e Mercedes, è stato direttore tecnico della Renault durante gli anni della vittoria del titolo di Alonso, poi direttore del team dopo l’addio di Flavio Briatore. Più recentemente è stato uno degli architetti dell'attuale juggernaut Mercedes F1.

condividi
commenti
Bob Bell: “La F1 sarà presto la migliore che sia mai stata”

È sempre stato un appassionato sostenitore della riconversione della tecnologia e delle tecniche della F1 a beneficio di una società più ampia e nel 2019 ha formato un'organizzazione di volontariato chiamata Grid4Good.org, chiedendo l'aiuto gratuito di team e ingegneri di F1 per risolvere problemi al di fuori del mondo delle corse. Quest'anno il gruppo è stato coinvolto centralmente nella risposta della Formula 1 a Covid-19, contribuendo ad accelerare lo sviluppo di respiratori per pazienti gravemente malati, tra gli altri progetti di lotta al Coronavirus.

Bob Bell, Chief Technical Officer, Renault Sport F1, nella conferenza stampa

Bob Bell, Chief Technical Officer, Renault Sport F1, nella conferenza stampa

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

Nell'ultima intervista #ThinkingForward con i leader e gli influenti pensatori dello sport, Bob spiega la missione di Grid4Good, spiega perché crede che la Formula 1 stia per entrare in un'età dell'oro e guarda al momento in cui la Formula 1 e la Formula E potrebbero fondersi.

 

Bob, raccontaci come è nata l'iniziativa Grid4Good

Ho compiuto 60 anni un paio d'anni fa, e mi sono sempre ripromesso che quando sarei arrivato a quel punto, avrei fatto un passo indietro dalle corse e avrei fatto qualcosa di diverso, qualcosa per la società. Penso che il motorsport faccia molto per la società, sono orgoglioso di quello che fa. Ma per me personalmente, fare qualcosa di un po' più diretto sarebbe un bene. All'inizio del 2019 con un paio di colleghi della F1 abbiamo iniziato Grid4Good con l'idea che, in background, potevamo assumere progetti nel settore no-profit ed agganciarli a potenziali fornitori di soluzioni gratuite o a basso costo del mondo dell'automobilismo sportivo. Abbiamo aiutato un paio di enti di beneficenza britannici a rinnovare le loro PR e il loro marketing, e un paio di agenzie di PR di F1 lo hanno fatto per noi senza alcun compenso. E abbiamo ottenuto un team di F1 che riprogetta le sedie a rotelle elettriche. La crisi COVID è arrivata all'inizio di quest'anno e la pit lane si è riunita per offrire il proprio sostegno al governo per aiutare alcune delle sfide tecniche che ne derivano. Grid4Good ne ha fatto parte attraverso l'iniziativa "Progetto Pitlane". Ha dimostrato il concetto in un modo che non avrei mai potuto immaginare. Abbiamo alcuni progetti COVID-19 legati alla medicina in corso. E sempre alla ricerca di nuovi progetti.

Bob Bell, Renault Sport F1 Team Chief Technical Officer, at a media roundtable.

Bob Bell, Renault Sport F1 Team Chief Technical Officer, at a media roundtable.

Photo by: INFINITI Performance Team

Lei ha citato il progetto Pitlane, una reazione sorprendente dei team di Formula 1. Ciò che ha colpito non è stata solo l'innovazione, ma anche la velocità di reazione. I normali processi medici per costruire respiratori richiedono molto tempo, ma è stata la velocità di reazione della F1 a distinguersi in quell'episodio

Assolutamente sì. È la velocità di reazione. Ciò che la F1 porta con sé è questo atteggiamento di "può fare" - che sta cominciando a diminuire nel mondo. Il mondo sta diventando più complesso, più burocratico, più difficile da gestire. E penso che tutta la situazione COVID e la reazione della comunità degli sport motoristici non sia stata importante per la tecnologia, ma per il fatto che siamo stati in grado di farlo nel tempo che abbiamo impiegato. Se ci date una sfida, troveremo una soluzione con gli strumenti che abbiamo più velocemente di chiunque altro, perché è quello per cui siamo pagati.

Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20

Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20

Photo by: Motorsport Images

Da tempo si ritiene che il trasferimento di tecnologia e processi dal motorsport alla società in generale sia incredibilmente importante. Molte persone non si rendono conto che le cinture di sicurezza, i freni a disco e le strutture d'urto deformabili - molte cose che sono nella vita di tutti i giorni - hanno avuto origine negli sport motoristici. Dovete sentirvi abbastanza gratificati dal fatto che questo venga effettivamente riconosciuto ora.

Sì, sono molto orgoglioso di tutta l'industria per questo. Lei ha menzionato alcuni dei pezzi specifici della tecnologia che sono stati trasferiti alla società più ampia per il bene comune. Ma credo che una delle cose che passano sotto il radar che lo sport motoristico - in particolare la F1 - porta con sé siano le tecniche e le metodologie. Per esempio, in F1 facciamo ampio uso della fluidodinamica computazionale per progettare l'aerodinamica delle auto. Nella crisi COVID, abbiamo usato la fluidodinamica computazionale per analizzare il movimento delle particelle aerosol dei pazienti che sono in cura in ospedale. Quando tossiscono, se vengono sottoposti a procedure di intubazione, dove vanno a finire le particelle di aerosol? Quanto tempo ci vuole per evacuare la stanza? Si tratta di problemi molto impegnativi da analizzare, che possono essere affrontati solo con la CFD. Siamo esperti nel farlo rapidamente, ottenendo risposte credibili.

Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, e Sergio Perez, Racing Point RP20

Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20, Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, e Sergio Perez, Racing Point RP20

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

Stiamo assistendo ad un motorsport in via di trasformazione. Verissimo, è un aspetto comune a molte discipline, ma alla nostra essere considerata unicamente come una piattaforma di intrattenimento non basta più. Bisogna evolversi, andare verso le richieste del pubblico più giovane, dei Millenials. Stiamo assistendo a richieste di sostenibilità, accessibilità e diversità come mai prima d’ora. La giustizia sociale sta diventando uno degli aspetti fondamentali. Che idea si è fatto di quello che sta accadendo? 

Siamo davanti ad una sfida che non abbiamo mai affrontato prima d’ora. Dobbiamo essere consapevoli delle ingiustizie sociali e dei problemi che ci circondano, in modo tale che anche i team di Formula 1 riescano ad agire da cassa di risonanza. La società sta cambiando: i giovani, i fans che stiamo cercando di conquistare e mantenere, ci chiedono qualcosa di diverso rispetto ai loro predecessori. Se non riusciamo ad agire in tempo, li perderemo. Penso che la Formula 1, sotto la nuova guida di Liberty Media, con Ross Brawn e Chase Carey, stia facendo il massimo possibile per sentire le loro voci. Non si tratta di essere sensibili unicamente ai problemi di carattere ambientale, ma anche agli STEM, che riguardano diversità, uguaglianza e giustizia sociale. 

Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20 Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20

Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20 Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

Lo scorso anno ho avuto la possibilità di conoscere alcune nuove leve tra gli ingegneri Mercedes, e molti di loro erano femmine. Così come anche alcuni race strategist di rilievo che si possono trovare nel paddock di F1. Pensa che il numero di donne in Formula 1 sia destinato a crescere e che nei prossimi 5-10 anni ne vedremo sempre di più anche in ruoli chiave? 

Oh, certamente, e sono le benvenute. Ma il problema inizia prima che le donne raggiungano il motorsport. Penso sia un problema che ci si trascina dai primi giorni di scuola. C’è bisogno di una società che vada ad ampliare i propri orizzonti, che faccia capire l’utilità di diventare scienziati o ingegneri. Credo bisogni agire alla radice del tutto, dalla scuola primaria in avanti, promuovendo il più ampio spettro di interessi possibili e che sono sempre stati considerati come professioni puramente maschili. La F1 ed il motorsport possono fare la loro parte, ma c’è bisogno dell’aiuto della società. 

Questo è un anno importante per la F1, con il patto della concordia siglato dai vari attori, l’introduzione del budget cap ed altre misure che non avrei mai pensato di vedere in questa categoria. Il tutto per portare stabilità in un momento difficile. Con la sua esperienza e con una sfera di cristallo, pensa che lo sport riuscirà a capitalizzare tutto quanto ed essere la miglior versione della F1 possibile nel prossimo futuro? 

Sono convinto che la F1 si evolverà nel modo migliore tra gli scenari possibili. La direzione verso la quale si sta andando, con un sincero tentativo di ridurre i costi, è vitale. Non si possono giustificare agli occhi della società le cifre spese in Formula 1. Bisogna andare a gestire meglio le risorse. Non succederà tutto in automatico, bisogna avere un organo di controllo forte, come lo sono la FIA e Liberty Media. Non penso che lo spettacolo verrà meno, anzi. Vedremo ancora grandi gare, bei campionati e piloti eccezionali. La Formula 1 non è solo ciò che succede in pista: mostrare ciò che avviene al di fuori degli autodromi è fonte di interesse per il pubblico: un esempio è la serie Netflix “Drive to Survive”, con il pubblico che vuole conoscere ben più di quanto vede la domenica pomeriggio. Per poter essere un campionato sostenibile, la F1 deve riconsiderare la propria fan base. La F1 è una disciplina ibrida, dove il motore a combustione interna recita ancora la parte del leone. La Formula E invece corre utilizzando solamente il motore elettrico. Questa dicotomia dovrà essere risolta, prima o poi. Sono ottimista circa il futuro della Formula 1. 

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, fa un pit stop

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20, fa un pit stop

Photo by: Steven Tee / Motorsport Images

 

Ciò a cui stiamo assistendo è che i budget impiegati dalla Formula 1 e dalla Formula E si stanno avvicinando sempre di più. Ad un certo punto, in futuro, le due serie finiranno per incrociare i loro cammini. La Formula E, dal canto suo, ha il diritto esclusivo di essere la sola competizione per monoposto elettriche per i prossimi anni. Se dovessimo immaginare che tipo di motorsport potremmo osservare e commentare tra 15-20 anni, crede che l’idrogeno e l’elettrico possano farla da padrone a Le Mans e nelle monoposto? E per quanto riguarda altri campionati come NASCAR ed il turismo? 

Penso che prima o poi si arriverà a raggiungere l’obiettivo “Zero emissioni di CO2” per il mercato dell’auto. LA Formula 1 e la Formula E risolveranno le loro differenze e confluiranno in un unico campionato, qualsiasi forma abbia. Lo stesso vale per Le Mans – queste auto diventeranno elettriche o alimentate ad idrogeno o a qualsiasi altro combustibile che verrà trovato. Sono convinto che nel cuore e nelle menti di molti appassionati ci sia ancora spazio per quello che è stato il motorsport. Avere un’eredità, sapere da dove si viene, è mostruosamente importante. Ciò in cui la F1 e le altre categorie al vertice del motorsport sanno fare è essere promotrici del cambiamento, utilizzando ed inventando tecnologie capaci di essere applicate in tutto il mondo.  

Ferrari SF1000: la MGU-K è anche motorino di avviamento

Articolo precedente

Ferrari SF1000: la MGU-K è anche motorino di avviamento

Articolo successivo

Leclerc e Vettel: "Nurburgring, gomme e temperature decisive"

Leclerc e Vettel: "Nurburgring, gomme e temperature decisive"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Autore James Allen