Binotto provoca: "Facciamo pagare i danni ai team dei colpevoli"

La Ferrari crede che la Formula 1 dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di far pagare le riparazioni delle monoposto coinvolte in un incidente alla squadra del pilota che ne viene ritenuto colpevole.

Binotto provoca: "Facciamo pagare i danni ai team dei colpevoli"

Dopo gli appelli della Red Bull per un ripensamento sul regolamento del budget della Formula 1 sulla scia delle enormi fatture per i danni da incidente che ha affrontato nelle ultime due gare, il team principal della Ferrari Mattia Binotto ha proposto un'idea radicale.

Con il ferrarista Charles Leclerc che è stato fatto fuori da Lance Stroll alla prima curva del Gran Premio d'Ungheria, Binotto ha detto che la situazione dovrebbe essere esaminata.

E mentre non crede che un'indennità extra per le riparazioni sia il modo giusto di procedere, pensa che i team dei piloti che sono stati ritenuti colpevoli negli incidenti potrebbero essere costretti a pagare per i danni che hanno causato ai rivali.

"Penso che ci sia valore per discuterne nel prossimo futuro con gli altri team principal, la FIA e la F1", ha detto Binotto.

"Ovviamente, se non sei colpevole, avere questi danni compresi nel budget cap è un qualcosa che è ancora più grave ora.

"Dovremmo aggiungere delle esenzioni? Non sono sicuro che sia la soluzione. Penso che potrebbe essere molto difficile da controllare".

"Ma penso che quello che potremmo considerare è che se un pilota è colpevole, la sua squadra dovrebbe pagare le altre squadre per i danni e le riparazioni. Questo renderà i piloti più responsabili".

Leggi anche:

I commenti di Binotto arrivano sulla scia di un nuovo mal di testa per il team Red Bull, che deve affrontare delle costose riparazioni per la seconda gara consecutiva.

Solo due settimane dopo il conto di 1,8 milioni di dollari che la Red Bull ha pagato per l'incidente ad alta velocità di Max Verstappen con Lewis Hamilton nel Gran Premio di Gran Bretagna , ha subito un altro conto salato da pagare all'Hungaroring.

Un Valtteri Bottas fuori controllo ha innescato una carambola alla prima curva in Ungheria, che ha lasciato il duo Red Bull composto da Verstappen e Sergio Perez con gravi danni alle loro monoposto.

Mentre Verstappen è stato in grado di continuare e alla fine ha finito in zona punti, Perez si è fermato poco dopo e la squadra teme che il suo motore sia KO.

Il team principal della Red Bull, Christian Horner, pensa che sia ingiusto che il suo team debba ora affrontare un altro grande problema di budget per pagare i danni in una stagione in cui è già al limite del budget cap di 145 milioni di dollari.

Vuole che la FIA esamini la questione e cerchi di trovare un modo per fare in modo che le squadre non siano penalizzate finanziariamente quando gli incidenti non sono colpa loro.

"È brutale sotto il budget cap", ha detto Horner. "Penso che riaffermi che quando hai un incidente che non è colpa tua, che magari ha anche un costo significativo, questo non debba essere messo a bilancio".

"È qualcosa che penso abbia bisogno di essere esaminato più in dettaglio dalla FIA".

Domandandogli da dove dovranno arrivare i soldi per pagare i recenti incidenti, con la Red Bull che ha già dovuto fare licenziamenti lo scorso inverno per assicurarsi di rimanere all'interno del budget, Horner ha detto che dovranno essere fatti dei sacrifici.

"Ovviamente si deve guardare a ciò che è all'interno del budget cap", ha detto. "Sono i pezzi di ricambio e anche i motori, il che è particolarmente preoccupante. Penso che abbiamo bisogno di rivedere questo con la FIA perché alla fine è qualcosa che può influenzare tutte le squadre, non solo la Red Bull".

condividi
commenti
Report F1: la F1 tiene troppo conto dello spettacolo, meno dei regolamenti

Articolo precedente

Report F1: la F1 tiene troppo conto dello spettacolo, meno dei regolamenti

Articolo successivo

Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi"

Minardi: "Alonso un maestro, Bottas e Stroll disastrosi"
Carica i commenti