Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
52 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
59 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
73 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
87 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
101 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
108 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
122 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
136 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
143 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
157 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
164 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
178 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
192 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
220 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
227 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
241 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
248 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
262 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
276 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
283 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
297 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
311 giorni

Binotto orgoglioso: "La Ferrari ha il miglior motore della F1"

condividi
commenti
Binotto orgoglioso: "La Ferrari ha il miglior motore della F1"
Di:
12 dic 2019, 16:40

Il team principal della Ferrari ha risposto così alle polemiche sulle legalità della power unit del Cavallino, poi ha aggiunto: "Siamo stati la squadra più controllata, ma non ci sono mai stati dubbi sulla legalità".

Nel 2019 la Ferrari non ha dovuto vedersela solo con gli avversari in pista. Le partite disputate si sono svolte su più tavoli, ad iniziare dalle trattative che hanno portato all’accordo nel nuovo ‘concorde agreement’ 2021-2025, alle polemiche emerse dopo il Gran Premio del Canada per il caso ‘Vettel-Hamilton’, sino alla difesa dalle accuse più o meno velate che sono crescite in proporzione con le performance dalla power unit del Cavallino. 

Mattia Binotto non ci sta, e ha sottolineato che “oggi abbiamo il miglior motore che ci sia in Formula 1”, sfidando a viso aperto gli “untori” che hanno provato ad intaccare l’integrità della Ferrari senza però presentare alcun reclamo nelle sedi opportune. 

“Quest'anno siamo stati la squadra più controllata sul fronte power unit – ha spiegato Binotto – è stato così sia prima che dopo le varie direttive tecniche della FIA. Quando un motore ha un certo vantaggio in termini di performance, accade inevitabilmente che gli avversari tendano a puntare il dito, e sotto molti aspetti è stato normale che i controlli che abbiamo ricevuto si siano intensificati. Ciò che alla fine conta è che in tutte le verifiche abbiamo dimostrato di essere perfettamente legali”.

Leggi anche:

Regolamento complesso, chiarimenti necessari

Nel weekend del Gran Premio degli Stati Uniti la FIA ha diramato alle squadre una nuova direttiva tecnica sul fronte power unit in merito all’utilizzo del flussometro, e subito si è parlato di un messaggio alla Ferrari. Un’ipotesi che però Binotto non sposa: “Abbiamo un regolamento molto complesso, e di conseguenza non semplice da gestire. Ogni squadra, da sempre, cerca di interpretare le regole al fine di riuscire ad estrarre il massimo delle prestazioni dal proprio motore, e la necessità di chiarimenti è dimostrata dalle oltre 40 direttive tecniche di chiarimento inviate dalla FIA durante la stagione, sia sul fronte motore che quello telaio. Questo conferma quanto siano complesse le tematiche che affrontiamo, e quanto sia ancora necessario dover chiarire degli aspetti nonostante questi motori siano utilizzati dal 2014”.

“Da parte nostra – ha proseguito Binotto - le direttive tecniche sono sempre benvenute perché servono a chiarire, così come le verifiche. Siamo stati controllati molte volte, e non ci sono mai stati dubbi sulla nostra legalità. In passato, senza voler accusare nessuno, si è parlato molto del consumo di olio nella camera di combustione. C'è chi ha vinto dei campionati pompando olio in camera, poi il tutto è stato chiarito con delle direttive tecniche che successivamente sono entrate a far parte del regolamento. Questo mostra quanto la complessità sia ampia, e come il tema della legalità non possa essere sempre ridotto a un confronto bianco o nero”.

Leggi anche:

Quella del Cavallino è oggi la power unit di riferimento

“Io credo che la Ferrari non abbia mai puntato il dito nella direzione gli avversari, ma nei momenti di difficoltà ci siamo solo resi conto di aver molto lavoro da fare per colmare uno svantaggio prestazionale del nostro motore. Nel 2014 ci mancavano più di 80 cavalli rispetto alle power unit migliori, una differenza che oggi in Formula 1 non c’è più in assoluto. Noi abbiamo reagito mettendoci impegno, risorse, sforzi (anche economici) per colmare il gap ed arrivare oggi ad avere il miglior motore che ci sia oggi in Formula 1. Questo per noi deve essere solo un motivo d'orgoglio”.

Binotto ha infine commentato il caso di Abu Dhabi, ovvero la questione benzina aperta dalla discrepanza tra il valore in chilogrammi del carburante che il team ha dichiarato di aver caricato sulle vetture prima del via, ed il valore verificato dai commissari tecnici. “Per quanto riguarda quel che è successo a Yas Marina – ha chiarito il team principal del Cavallino - ci sono stati dei controlli che la FIA predispone prima e dopo la gara. Il regolamento tecnico sottolinea che non si possono usare più di 110 kg di carburante per disputare un Gran Premio, ed è per questo che la FIA esegue i controlli. Noi abbiamo rispettato questo valore, e la conferma è arrivata sia dalle rilevazioni del peso della monoposto, che dai valori di consumo che si ricavano attraverso il flussometro. Tutte le misure effettuate hanno confermato che eravamo perfettamente legali, altrimenti saremmo stati squalificati”. 

“C'era solo un valore di peso che non tornava, una discrepanza tra quanto riscontrato dalla bilancia della FIA e quanto avevamo dichiarato noi come squadra – ha concluso Binotto – un dato relativo al peso che noi non abbiamo potuto vedere se non alla fine della gara, quando non era più verificabile. La FIA ha deciso di multarci perché c'era un'incoerenza sui due valori, ma questo non significa non essere legali, perché la legalità si misura con altri parametri che hanno invece confermato la nostra totale coerenza. Con i tanti controlli che abbiamo avuto quest'anno, se ci fosse stata un'illegalità, sarebbe venuta fuori il primo giorno…”.

Articolo successivo
Ferrari cancella Verstappen e Alonso dalla lista piloti 2021

Articolo precedente

Ferrari cancella Verstappen e Alonso dalla lista piloti 2021

Articolo successivo

Camilleri: "Il talento e la creatività Ferrari non sono mai riconosciuti"

Camilleri: "Il talento e la creatività Ferrari non sono mai riconosciuti"
Carica i commenti